Seleziona una pagina

Un piccolo villaggio dell'isola indonesiana di Sulawesi mantiene viva una tradizione di guarigione basata su rimedi derivati ​​da erbe e altre piante coltivate localmente.
L'importanza della medicina tradizionale per la comunità significa che gli abitanti del villaggio sono stati a lungo diligenti nel proteggere la foresta in cui crescono le piante.
Ciò si è tradotto in pesanti multe per il disboscamento non regolamentato o il bracconaggio della fauna locale, incluso il maleo, un uccello che si trova solo a Sulawesi.
PAKULI INDUK, Indonesia – In un remoto villaggio dell'isola indonesiana di Sulawesi si trova un piccolo giardino di fama quasi mitica, un luogo i cui amministratori coltivano non semplici piante, ma speranze e cure che hanno servito la comunità per generazioni.

Compresso in un singolo ettaro (2,5 acri) nel villaggio di Pakuli Induk, nella provincia di Sulawesi centrale, ci sono 400 diversi tipi di piante erbacee, raccolte e coltivate per la prima volta da Sahlan, uno sciamano, o sando, della tribù Kaili.

Come un vero Getafix, Sahlan si è affidato alle piante che crescono nella zona per soddisfare i bisogni degli abitanti del villaggio, avventurandosi nelle profondità della foresta per raccogliere gli ingredienti per i rimedi erboristici per tutto, dagli occhi irritati ai problemi ai reni alle cisti ovariche. Figlio di sciamani, è stato lasciato in eredità il piccolo lotto per un giardino nel 1999 dal capo locale, che è stato preso dalla passione di Sahlan per il suo mestiere.

Quasi 20 anni dopo, Sahlan ora pratica la medicina tradizionale a Palu, il capoluogo di provincia, e ha lasciato la gestione del giardino ai bambini e ai giovani adulti dell'orfanotrofio di Assyfa.

"All'inizio è stato Sahlan a insegnarci", dice Risfa, 21 anni, uno dei 70 giovani dell'orfanotrofio ora incaricato di prendersi cura del giardino.

Risfa poi snocciola un elenco di piante coltivate lì e le loro presunte qualità: kada buku, le cui foglie sono usate per curare le ferite esterne; kanuna, ritenuto efficace nel trattamento delle cisti ovariche; keji beling, prescritto per problemi ai reni e all'appendice; kulei, la cui linfa è usata come collirio; e mavana, detto per curare la tosse nei bambini.

C'è anche la radice simile al ginseng della pianta tudong layu, che, come il ginseng, si dice che aiuti a trattare la disfunzione erettile. "È meglio mescolarlo con uova e miele", dice Finra, un altro dei custodi, ridendo.

Guarigione tradizionale

Come nella maggior parte delle altre parti dell'Indonesia rurale, la medicina tradizionale è l'unico tipo di assistenza sanitaria a cui la maggior parte delle persone qui ha accesso. Nel 2015 c'erano 12 professionisti medici registrati nel distretto di Sigi, dove si trova il distretto di Pakuli Induk, secondo l'agenzia nazionale di statistica; di questi, solo due erano medici e servivano una popolazione di quasi 230.000 persone.

"Si ritiene che Sando sia più efficace" dei medici, afferma Amran Tambaru, un attivista ambientale locale. Aggiunge che per comunità come Pakuli Induk, gli sciamani sono spesso la prima scelta del fornitore di servizi sanitari.

Non c'è da stupirsi, quindi, che il giardino di Sahlan abbia un ruolo centrale nella vita degli abitanti del villaggio, che possono acquistare un pacchetto di erbe miste su misura per curare disturbi specifici per circa $ 2. Zainal, un ex responsabile dell'orfanotrofio, dice che molte delle piante coltivate nel giardino si trovano anche intorno al villaggio. Ma gli abitanti del villaggio sono invitati a entrare e raccogliere, gratuitamente, tutte le erbe che non riescono a trovare altrove, a condizione che prima chiedano il permesso.

Salvaguardare la foresta

La venerazione con la quale la comunità ha a lungo guardato alla medicina tradizionale, e per estensione alle piante su cui si basa, ha coltivato un rispetto per l'ambiente che mantiene ancora oggi. Qualsiasi attività con il potenziale di interrompere l'integrità dell'ecosistema naturale è rigorosamente regolamentata per ridurre al minimo i danni.

La registrazione, ad esempio, può essere eseguita solo se il legname deve essere utilizzato per costruire una casa. Anche allora, richiede il permesso del consiglio del villaggio, che determina anche la posizione all'interno della foresta in cui gli alberi possono essere abbattuti. La violazione di una qualsiasi di queste regole è punibile con multe sotto forma di denaro o bestiame – una grave battuta d'arresto finanziaria in una comunità di agricoltori di sussistenza.

Regole simili sono in atto per proteggere la fauna selvatica. Le foreste di Pakuli Induk sono ricche di fauna, al confine con il Lore Lindu National Park. La riserva di 2.180 chilometri quadrati ospita 77 specie di uccelli che si trovano solo a Sulawesi, tra cui il raro e in via di estinzione Maleo (Macrocephalon maleo), un uccello dall'aspetto sorprendente con un casco nero in cima alla sua testa.

Un centro di riproduzione in cattività è stato istituito per il maleo nella foresta di Pakuli Induk. L'uccello è considerato sacro dalla comunità e la punizione per qualsiasi tentativo di cacciarlo è adeguatamente severa.

"Se qualcuno osa provare a prenderne uno, può essere multato per un bufalo d'acqua", dice Zainal, sottolineando che l'alto valore e la scarsità di bufali li rendono una merce che non vale la pena perdere.

Per gli abitanti del villaggio, la foresta, le sue piante e gli animali sono stati a lungo fonte di sostentamento e benessere. E grazie agli orfani di Pakuli Induk, la gestione dell'ambiente locale sembra essere in buone mani.

Immagine banner: foresta pluviale di pianura nella Riserva Tangkoko di Sulawesi, Indonesia. Foto di Rhett A. Butler per Mongabay.