Seleziona una pagina

Secondo una nuova ricerca, i vari gradi di disfunzione erettile (DE) che si verificano dopo la biopsia prostatica con un ago attraverso la parete del retto sono "probabilmente stati sottostimati".

Un nuovo studio ha mostrato una "diminuzione significativa" nel punteggio della funzione erettile della maggior parte degli uomini dopo la biopsia, e il calo era indipendente dall'età, dalla diagnosi di cancro e dallo stato della biopsia precedente, riferiscono gli autori dello studio, guidati da Katie Murray, MD, dal Centro medico dell'Università del Kansas a Kansas City.

Sebbene la DE fosse riconosciuta come una complicanza della biopsia prostatica già nel 2001, non è stata ben stabilita dai dati, a differenza di potenziali eventi avversi come ematuria, dolore, disfunzione minzionale e infezione.

Nel loro studio prospettico, la dott.ssa Murray e il suo team hanno utilizzato un test standard – l'International Index of Erectile Function (IIEF-5) – per valutare 220 uomini con livelli elevati di antigene prostatico specifico (PSA) sottoposti a ecografia transrettale guidata biopsia prostatica.

Nella coorte di studio, il punteggio mediano IIEF-5 era significativamente inferiore 1 settimana dopo la biopsia rispetto al basale (15,5 vs 18,2; P <0,001). E il punteggio è rimasto significativamente più basso a 4 settimane (17,3 vs 18,4; P = 0,008) e 12 settimane (16,9 vs 18,4; P = 0,004).

Il team, tuttavia, non afferma che l'ago abbia causato danni fisici in quest'area ad alta intensità nervosa che ha portato all'ED. "La causa esatta di questo effetto deve ancora essere determinata", scrivono.

Lo studio è stato pubblicato nel numero di agosto di BJU International.

"Lo stress psicologico" probabilmente contribuisce all'ED, scrive Brian Helfand, MD, dell'Università di Chicago, in un editoriale di accompagnamento. Gli uomini in questo studio che hanno avuto una biopsia benigna hanno avuto un ritorno abbastanza rapido alla linea di base in termini di funzione erettile (dopo 1 settimana, come gruppo), anche se alcuni uomini hanno riportato punteggi inferiori fino a 3 settimane.

Il dottor Helfand sottolinea che uno studio in cui è stato coinvolto ha dimostrato che una diagnosi di cancro alla prostata "può influenzare la funzione erettile di un uomo dopo la biopsia prostatica" (BJU Int. 2013; 111: 38-43).

La letteratura su questo argomento è mista, con alcuni studi che trovano e altri che non trovano che la biopsia induca ED, aggiunge. Tuttavia, il dottor Helfand suggerisce che "i pazienti dovrebbero essere informati sulla possibilità di cambiamenti relativamente a breve termine ('acuti') nella funzione erettile". Il dottor Murray e il suo team dicono la stessa cosa.

Questo studio a gruppo singolo avrebbe potuto essere più forte in termini di prove, ha detto Clint Bahler, MD, dell'Indiana University di Indianapolis, che non è stato coinvolto nello studio ma è stato chiesto di commentare i risultati.

"Avrebbero dovuto seguire un altro gruppo di uomini [sani] con PSA elevato che non sono stati sottoposti a biopsia da confrontare, per esempio", ha detto a Medscape Medical News.

Come il dottor Helfand, il dottor Bahler ha sottolineato che gli uomini che avevano una biopsia benigna (67% del gruppo) avevano un'ED relativamente transitoria, rispetto a quelli che avevano rilevato il cancro.

Per i pazienti che non hanno ricevuto una diagnosi di cancro alla prostata, il punteggio IIEF-5 mediano era inferiore solo al follow-up di 1 settimana (P <0,001). Ma per quelli con cancro alla prostata rilevato, il punteggio mediano era inferiore a 1 settimana (P <0,001) ea 12 settimane (P = 0,001) dopo la biopsia.

In particolare, non esiste una suddivisione dettagliata dei punteggi per il gruppo benigno. "Dovrebbero darci i punteggi per il gruppo benigno, ma questi sono censurati, il che è sospetto", ha detto il dottor Bahler.

Il dottor Helfand, il dottor Bahler e gli investigatori sospettano tutti che l'ED a lungo termine possa essere correlato a una serie di fattori, tra cui lo stress, una diagnosi di cancro e l'età.

Come afferma il team del dottor Murray, "il meccanismo esatto di questo declino del punteggio IIEF-5 per questi pazienti è molto probabilmente di natura multifattoriale e molti fattori, tra cui cause psicogene, paura dei risultati, ansia correlata alla biopsia e persino considerazioni anatomiche tra cui danni ai nervi ed ematomi – hanno il potenziale di essere correlati ".

Al basale, l'età media era di 64 anni e lo stato di DE è stato segnalato come inesistente dal 39% degli uomini, lieve del 22%, da lieve a moderato del 15%, moderato del 10% e grave del 14%.

L'età sembra giocare un ruolo nel modo in cui gli uomini fanno in termini di erezione dopo aver subito la biopsia prostatica, riferiscono i ricercatori.

Per gli uomini di età inferiore ai 60 anni, il punteggio mediano IIEF-5 era inferiore solo al follow-up di 1 settimana (P = 0,015). Ma per gli uomini di età pari o superiore a 60 anni, i punteggi erano inferiori a 1 settimana (P <0,001), 4 settimane (P = 0,024) e 12 settimane (P = 0,005).

Gli investigatori hanno anche utilizzato il questionario IPSS (International Prostate Symptom Score) per valutare gli uomini. Si sono concentrati sui dati relativi ai sintomi del tratto urinario inferiore e hanno scoperto che c'era un cambiamento significativo alle settimane 1 e 4, ma non alla settimana 12. In altre parole, in questa coorte di uomini, i sintomi, in media, sono migliorati entro la settimana 12.