Seleziona una pagina

Ma il quadro generale non è abbastanza semplice perché la nuova ricerca risolva una volta per tutte la questione se il test del PSA aiuti gli uomini.

"Non c'è dubbio che un uomo sottoposto a test avrà circa il 30% in meno di possibilità di morire di cancro alla prostata", ha detto l'autore principale dello studio, il dott. Fritz Schroder, professore di urologia all'Università Erasmus di Rotterdam, Paesi Bassi. "D'altro canto, c'è una probabilità del 30% che un cancro trovato sia insignificante e il paziente possa trovarsi di fronte agli effetti collaterali del trattamento inutilmente".

Schroder si riferisce alla questione principale nel dibattito sul PSA: i test del PSA fanno più male che bene?

In alcuni casi, i test rilevano il cancro che sarebbe mortale, dando agli uomini l'opportunità di curarlo e potenzialmente sopravvivere. In altri casi, gli uomini sono trattati inutilmente per il cancro che in realtà si svilupperebbe così lentamente da non minacciare le loro vite.

C'è anche la questione dei costi – gli screening del PSA costano circa $ 3 miliardi negli Stati Uniti ogni anno – e gli effetti collaterali potenzialmente gravi del trattamento, tra cui l'incontinenza e l'impotenza. Inoltre, il nuovo studio ha rilevato che solo lo 0,5% circa degli uomini ha sviluppato il cancro e ne è morto nel periodo in esame.

Per il nuovo studio, gli scienziati hanno esaminato le cartelle cliniche di oltre 160.000 uomini in otto paesi europei, che avevano un'età compresa tra i 55 ei 69 anni quando lo studio è iniziato. Alcuni sono stati assegnati in modo casuale a ricevere i test di screening del PSA.

Dopo una media di 11 anni, gli uomini nello studio che sono stati sottoposti a screening avevano il 21% in meno di probabilità di morire di cancro alla prostata.

I risultati dello studio appaiono nel numero del 15 marzo del New England Journal of Medicine.

Un medico che ha scritto un commento alla rivista di accompagnamento ha detto che le nuove scoperte "aggiungono più confusione" al problema. Ma una cosa è chiara: non lo convincono che i test PSA di routine sono una buona idea.

Il problema è che "puoi avere il cancro alla prostata seduto lì, senza fare nulla", ha detto il dottor Anthony Miller, professore emerito di epidemiologia presso la Dalla Lana School of Public Health dell'Università di Toronto. "Non li ucciderà; non crescerà."

Ma un test del PSA può ancora scoprire il cancro alla prostata, portando a test e trattamenti non necessari.

"Troverai sempre persone convinte che, indipendentemente da ciò che viene fatto, le prove non contano e ciò che vogliono veramente scoprire è se hanno un cancro", ha detto Miller. "Presumeranno che il solo fatto di trovare un cancro significherà che è stato fatto del bene".

Miller consiglia il test PSA solo per gli uomini che hanno determinati sintomi o se è utilizzato per monitorare il trattamento negli uomini che hanno il cancro alla prostata. "Come screening generale per uomini sani, non lo consiglio affatto", ha detto.

Miller non consiglia inoltre l'esame della prostata eseguito a mano che i medici comunemente somministrano a uomini di mezza età e anziani, a meno che non siano presenti sintomi. Esplora ulteriormente