Seleziona una pagina

Quasi due terzi degli uomini anziani intervistati hanno affermato che i loro medici non avevano discusso i vantaggi e gli svantaggi del test di screening del PSA (antigene prostatico specifico). E la maggior parte di coloro che non sono stati informati sui rischi e sui benefici del test erano uomini che non sono stati sottoposti a screening.

L'autore principale dello studio, il Dr. Paul Han, ha affermato che è facile "sventolare la bandiera di un processo decisionale informato" per quanto riguarda il coinvolgimento dei pazienti nella discussione sulla propria salute della prostata. D'altra parte, "è difficile metterlo in pratica", ha aggiunto Han, scienziato del personale del Center for Outcomes Research and Evaluation presso il Maine Medical Center di Portland. "C'è così tanta complessità e incertezza."

L'analisi del sangue del PSA, che viene spesso somministrata agli uomini a partire dai 50 anni, può rivelare segni di cancro alla prostata.

"Ci sono certamente prove che il test può essere utile per alcuni uomini, ma le prove sono contrastanti, e non tutti gli studi sono d'accordo", ha detto Han.

Il problema è che il cancro alla prostata non è sempre pericoloso ed è difficile per i medici capire se ha bisogno di cure o meno. Tra i lati positivi, se il cancro viene scoperto precocemente, potrebbe essere più facile da trattare. Sul lato negativo, il trattamento non necessario può essere dannoso.

Sottolineando il dibattito sul valore del test del PSA, l'American College of Physicians ha svelato ad aprile nuove linee guida che raccomandano agli uomini tra i 50 ei 69 anni di discutere i limitati benefici del test con i loro medici.

Secondo il dottor Robert Ferrer, vicepresidente per la ricerca nel dipartimento di medicina di famiglia e di comunità presso l'Università del Texas Health Science Center di San Antonio, viene impedito un decesso ogni 1.000 uomini sottoposti a screening con PSA. "Il tasso di morte per cancro alla prostata è di cinque su 1.000 uomini tra coloro che non sono stati sottoposti a screening e quattro su 1.000 tra quelli sottoposti a screening", ha detto Ferrer, coautore di un commento che accompagna lo studio.

A complicare le cose, gli effetti collaterali del trattamento includono incontinenza e impotenza. Ma alcuni uomini non sono disposti ad aspettare per vedere se il cancro peggiora, ha detto Han. "Pochi uomini optano per un'attesa vigile", ha osservato Han. "È difficile sapere di avere il cancro in te e non stai facendo nulla di definitivo o attivo al riguardo."

Circa uno su sei uomini negli Stati Uniti verrà diagnosticato un cancro alla prostata durante la sua vita e quasi 30.000 moriranno quest'anno, secondo l'American Cancer Society.

Nel nuovo studio, pubblicato nel numero di luglio / agosto di Annals of Family Medicine, i ricercatori hanno esaminato i risultati di un sondaggio del 2010 su oltre 3.400 uomini statunitensi di età compresa tra 50 e 74 anni. Il 64% ha affermato di non aver avuto discussioni con il proprio medici sui pro e contro dei test del PSA.

Del totale, il 44% non era mai stato sottoposto a screening. La maggior parte di questi, l'88%, ha affermato di non aver parlato dei vantaggi e degli svantaggi dei test con i propri medici.

Le discussioni erano molto più comuni tra gli uomini selezionati più spesso, quasi ogni anno, che rappresentavano un quarto del totale. Di questi, il 39% ha affermato di non aver parlato con i propri medici dei rischi e dei benefici.

Ferrer ha detto che sospetta che i medici non parlino dei test perché sono diventati così routine. Inoltre, è solo di recente che la comunità medica ha iniziato a discutere i possibili danni che derivano dal trattamento inutile del cancro alla prostata, ha detto.

I pazienti dovrebbero anche essere nel ciclo decisionale dato che i pro ei contro dei test del PSA sono così complessi? Ferrer ha detto di sì.

Crede che i medici abbiano "il dovere di aiutare i pazienti a capire in situazioni in cui ci sono vantaggi e danni in competizione", ha detto.

"La decisione del PSA non è più complessa di molte altre decisioni sanitarie", ha aggiunto.

La professione medica deve trovare modi per educare i pazienti anche se le visite mediche sono brevi e ingombre di altri compiti, ha spiegato.

Ferrer ha aggiunto che i medici hanno la responsabilità di aiutare i pazienti a prendere decisioni coerenti con le loro preferenze. Esplora ulteriormente