Seleziona una pagina

Background: gli studi sulle complicanze derivanti dalla chirurgia o dalla radioterapia per il cancro alla prostata si sono concentrati principalmente sull'incontinenza e sulla disfunzione erettile. Abbiamo mirato a valutare altre importanti complicazioni associate a questi trattamenti per il cancro alla prostata.

Metodi: abbiamo condotto uno studio di coorte retrospettivo basato sulla popolazione, in cui abbiamo utilizzato i dati amministrativi ospedalieri, i codici di fatturazione dei medici e i dati del registro del cancro per gli uomini sottoposti a intervento chirurgico o radioterapia da soli per il cancro alla prostata tra il 2002 e il 2009 in Ontario, Canada. Abbiamo misurato l'incidenza cumulativa a 5 anni di cinque endpoint di complicanze correlate al trattamento: ricoveri ospedalieri; procedure urologiche, rettali o anali; procedure chirurgiche aperte; e neoplasie secondarie.

Risultati: nei 32.465 pazienti inclusi nello studio, l'incidenza cumulativa a 5 anni di ricovero in ospedale per una complicanza correlata al trattamento era del 22,2% (95% CI 21,7-22,7), ma era 2 · 4% (2 · 2-2 · 6) per i pazienti la cui durata del soggiorno è stata superiore a 1 giorno. L'incidenza cumulativa a 5 anni della necessità di una procedura urologica era del 32,0% (95% CI 31,4-32,5), quella di una procedura rettale o anale del 13,7% (13,3-14,1) e quello di una procedura chirurgica aperta era dello 0,9% (0,8-1,1). L'incidenza cumulativa a 5 anni di un secondo tumore maligno primario è stata del 3,0% (2-6-3,5). Questi rischi erano significativamente più alti rispetto a quelli di 32.465 controlli abbinati senza storia di cancro alla prostata. L'età avanzata e la comorbilità al momento del trattamento indice erano importanti predittori di complicanze in tutte le categorie di esiti, ma il tipo di trattamento ricevuto era il più forte predittore di complicanze. I pazienti sottoposti a radioterapia avevano una maggiore incidenza di complicanze per l'ospedalericoveri, procedure rettali o anali, procedure chirurgiche aperte e neoplasie secondarie a 5 anni rispetto a coloro che hanno subito un intervento chirurgico (rapporti di rischio aggiustati 2 · 08-10 · 8, p <0 · 0001). Tuttavia, il numero di procedure urologiche era inferiore nel gruppo radioterapico rispetto al gruppo chirurgico (hazard ratio aggiustato 0,66, IC 95% 0,63-0,69; p <0,0001) INTERPRETAZIONE: le complicanze dopo il trattamento del cancro alla prostata sono frequente e dipendente dall'età, dalla comorbilità e dal tipo di trattamento. I pazienti e i medici dovrebbero essere consapevoli di questi rischi quando scelgono il trattamento per il cancro alla prostata e dovrebbero bilanciarli con l'efficacia clinica di ciascuna terapia.