Seleziona una pagina

Pubblicato nel Journal of the American Medical Association (JAMA) Oncology online il 20 ottobre, il rapporto mostra che ben oltre la metà dei 32.518 uomini in Svezia con diagnosi di cancro alla prostata ha meno probabilità di diffondersi ha scelto il monitoraggio durante un recente periodo di cinque anni rispetto a quello immediato. trattamento.

Guidato dai ricercatori del NYU Langone Medical Center e del suo Perlmutter Cancer Center, un team internazionale ha concluso che è probabile che gli uomini scelgano il monitoraggio una volta presentata la scelta.

Chiamata sorveglianza attiva, l'opzione di monitoraggio si basa su esami del sangue regolari, esami fisici e biopsia periodica, o campionamento, del tessuto prostatico per lo screening di eventuali segni di crescita di un tumore prima di prendere in considerazione la terapia. Il passaggio alla sorveglianza attiva, affermano gli autori dello studio, scongiura il rischio di disfunzioni sessuali, nonché problemi intestinali e vescicali che spesso accompagnano le terapie tradizionali.

"La conclusione principale qui è che se la maggior parte degli uomini in Svezia ha adottato questa strategia di gestione per il cancro alla prostata a rischio da molto basso a basso, allora più uomini americani potrebbero scegliere questa opzione se gli fosse presentata", afferma il ricercatore principale dello studio e l'urologo Stacy Loeb, MD, MSc.

Tra i risultati chiave dello studio c'è stato che dal 2009 al 2014 il numero di uomini svedesi con cancro a rischio molto basso che hanno scelto la sorveglianza attiva è aumentato dal 57% al 91% e gli uomini con cancro a basso rischio che hanno scelto questa opzione sono aumentati dal 40% al 74%. Nel frattempo, riportano gli autori, il numero di uomini in entrambi i gruppi che hanno scelto semplicemente di aspettare, non fare ulteriori test e posticipare la terapia a meno che i sintomi non si sviluppino – una pratica passiva chiamata vigile attesa – è diminuito di oltre la metà.

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati del National Prostate Cancer Register svedese, uno dei pochi database nazionali al mondo (e per il quale non esiste nulla di paragonabile in Nord America).

Loeb, un assistente professore nei dipartimenti di urologia e salute della popolazione presso la NYU Langone e un membro di Perlmutter, afferma che mentre un numero crescente di uomini americani con diagnosi di malattia in stadio iniziale scelgono la sorveglianza attiva, rappresentano ancora meno della metà di quelli per chi è un'opzione.

"I nostri risultati dovrebbero incoraggiare i medici e i professionisti della cura del cancro negli Stati Uniti a offrire una supervisione e un monitoraggio così stretti ai loro pazienti con malattia a basso rischio", afferma Loeb. Più uomini americani che optano per la sorveglianza attiva, aggiunge, "potrebbero fare molto per ridurre i danni dello screening riducendo al minimo il trattamento eccessivo del cancro alla prostata non aggressivo".

Loeb afferma che studi recenti hanno suggerito che alcuni uomini con malattia in stadio iniziale che hanno optato per il trattamento in seguito se ne sono pentiti a causa di problemi persistenti, come l'incontinenza e l'impotenza.

Un ampio studio ha anche recentemente mostrato alcuna differenza nei tassi di morte un decennio dopo la diagnosi tra coloro che hanno scelto la sorveglianza attiva e coloro che hanno scelto un trattamento immediato, dice Loeb. Nel frattempo, c'è un rischio maggiore di effetti collaterali tra gli uomini in terapia. Lei avverte, tuttavia, che questo modello non è stato confermato per gli uomini svedesi nel presente studio.

Il National Cancer Institute degli Stati Uniti stima che 26.000 uomini americani moriranno a causa della malattia nel 2016, con 181.000 diagnosticati, la maggior parte nelle sue prime fasi.