Seleziona una pagina

Migliaia di uomini potrebbero essere risparmiati dal calvario di sottoporsi alla radioterapia dopo l'intervento chirurgico per il cancro alla prostata, hanno detto gli scienziati ieri sera.

Il trattamento viene utilizzato per sradicare le cellule tumorali e per cercare di garantire che i tumori non ritornino. Ma la ricerca su The Lancet ha scoperto che non ci sono stati benefici.

Gli accademici dell'University College di Londra hanno affermato che la radioterapia eseguita in seguito, al primo segno di ricomparsa del cancro, ha avuto esiti altrettanto buoni. Significa che molti dei circa 15.000 uomini all'anno che hanno il trattamento potrebbero evitarlo – e gli effetti collaterali come l'impotenza e l'incontinenza.

Migliaia di uomini potrebbero essere risparmiati dal calvario della radioterapia dopo l'intervento chirurgico per il cancro alla prostata, hanno detto gli scienziati ieri sera

La dott.ssa Claire Vale, che ha guidato la revisione, ha affermato: “ I nostri risultati suggeriscono che dopo l'intervento chirurgico, i pazienti il ​​cui cancro è limitato alla prostata o si è diffuso solo ai tessuti o agli organi vicini, possono essere risparmiati in sicurezza dalla radioterapia post-operatoria di routine e dai suoi effetti collaterali. La radioterapia deve essere somministrata solo agli uomini se mostrano i primi segni che il cancro potrebbe ripresentarsi.

"Le linee guida e le politiche riguardanti lo standard di cura per il cancro alla prostata dovrebbero essere aggiornate sulla base dei risultati."

Perché mantenersi in salute dipende dall'istinto intestinale: ridurre il rischio… Tradimento del coronavirus dei malati di cancro: chirurgia del NHS e…

Il team ha combinato i dati di pazienti nel Regno Unito, Francia, Australia, Nuova Zelanda, Canada, Danimarca e Irlanda, per indagare sui tempi ottimali della radioterapia.

I risultati includevano 2.153 uomini arruolati in tre studi: 1.075 avevano la radioterapia subito dopo l'intervento chirurgico e altri 1.078 avevano la radioterapia di "salvataggio precoce", in cui il trattamento viene ritardato fino alla ricomparsa dei segni della malattia.

Gli autori hanno trovato poca differenza tra il salvataggio precoce – con un tasso di sopravvivenza a cinque anni dell'88% – e la radioterapia immediata, con un tasso dell'89%.

Il Daily Mail si batte per una maggiore consapevolezza, cura e diagnosi del cancro alla prostata, che, sebbene in miglioramento, è in ritardo di anni rispetto ad altre malattie.