Seleziona una pagina

Da Vinci Chirurgia per il cancro alla prostata: disfunzione erettile?

Di Lorra Garrick|Ultimo aggiornamento 04/02/2020

Revisione medica di Michael Herman, MD

Molti uomini con cancro alla prostata temono di diventare impotenti dopo essere stati trattati con la procedura del robot da Vinci.

"Qualsiasi trattamento per il cancro alla prostata, comprese le radiazioni o la chirurgia robotica, può influenzare la funzione sessuale", afferma Michael Herman, MD, Direttore di Urologic Oncology presso il South Nassau Communities Hospital di Oceanside, NY.

Non è solo il Da Vinci

"Se un uomo sviluppa o meno la disfunzione erettile dipende da molti fattori, tra cui la funzione sessuale prima del trattamento dell'uomo, la sua età, se ha o meno altri problemi medici come il diabete e l'aggressività del cancro", afferma il dott. Herman.

Quando una procedura come il sistema robotico Da Vinci o le radiazioni porta alla disfunzione erettile, come avviene in primo luogo?

Dott. Herman spiega: "I nervi che controllano la funzione erettile corrono molto vicino alla prostata e sono molto delicati.

"Pertanto, qualsiasi trattamento per la prostata può potenzialmente influenzare questi nervi, compresi i cambiamenti che avvengono dopo le radiazioni o la manipolazione che si verifica durante l'intervento chirurgico".

Quindi dovrebbe essere facile capire perché non c'è nulla di particolare nel dispositivo robotico Da Vinci che causa più impotenza di qualsiasi altro trattamento per il cancro alla prostata come la brachiterapia (impianto di "semi" radioattivi).

"Se un uomo ha un cancro alla prostata aggressivo, possono anche ricevere farmaci per abbassare i livelli di testosterone, che possono influenzare anche la funzione sessuale".

È possibile prevenire l'impotenza da Da Vinci o altre procedure?

"Una meticolosa tecnica chirurgica per risparmiare i nervi durante l'intervento chirurgico è il modo migliore per preservare la funzione sessuale", afferma il dott. Herman.

"Quando viene diagnosticata, i pazienti dovrebbero anche essere informati a lungo su come il loro trattamento per il cancro alla prostata influenzerà la loro funzione sessuale.

"Se qualcuno sviluppa la disfunzione erettile dopo il trattamento, ci sono molte opzioni di trattamento, compresi i farmaci orali come il Viagra o il Cialis.

"Infine, la preoccupazione per la funzione sessuale è uno dei motivi principali per cui alcuni uomini con cancro alla prostata non aggressivo optano per la sorveglianza attiva.

"Ciò consente ai pazienti e ai loro medici di monitorare il loro cancro per assicurarsi che non diventi aggressivo e allo stesso tempo preservare la loro qualità di vita".

Considerazioni finali Non squalificare la tecnica robotica da Vinci per paura di diventare impotenti. Non c'è nulla di inerente a questa tecnologia, rispetto ad altre opzioni di trattamento per il cancro alla prostata, che porta alla DE.

Dott. Gli interessi di Herman includono la riduzione della diagnosi eccessiva e del trattamento eccessivo del cancro alla prostata utilizzando i biomarcatori e le tecniche di imaging più recenti. È in prima linea nel trattamento e nella ricerca dei tumori urologici.

Lorra Garrick si occupa da molti anni di argomenti medici, fitness e sicurezza informatica, dopo aver scritto migliaia di articoli per riviste cartacee e siti web, anche come ghostwriter. È anche un'ex personal trainer certificata ACE.