Seleziona una pagina

A volte un’ipotesi scientifica è completamente sbagliata, ma la comprensione scientifica va comunque avanti. Questo potrebbe essere il caso di uno studio su uomini con cancro alla prostata.

Nello studio, i ricercatori hanno trovato un’associazione tra l’uso di farmaci per la disfunzione erettile (DE) dopo prostatectomia radicale e recidiva biochimica.

Sono rimasti sorpresi dai risultati; avevano ipotizzato che i farmaci sarebbero stati protettivi perché più studi di laboratorio e uno studio clinico osservazionale suggerivano un effetto antitumorale sulla prostata.

“Siamo rimasti stupiti. Ci aspettavamo risultati opposti”, ha detto il ricercatore capo Uwe Michl, MD, del Martini-Klinik Prostate Cancer Center di Amburgo, in Germania, in una e-mail a Medscape Medical News.

Ma, ha aggiunto, lo studio non dovrebbe cambiare la pratica.

“Consigliamo ancora ai nostri pazienti di utilizzare gli inibitori della PDE5 [fosfodiesterasi di tipo 5] su richiesta”, ha spiegato. “Gli inibitori della PDE5 sono efficaci nel trattamento della DE dopo prostatectomia radicale risparmiatore di nervi, assumendo che ci siano ancora alcune erezioni spontanee ma insufficienti”.

“I nostri risultati devono essere interpretati con cautela”, scrivono il dottor Michl ei suoi colleghi nel loro studio, pubblicato nel numero di febbraio del Journal of Urology.

I risultati sul rischio di cancro non sono del tutto nuovi.

Il sildenafil è stato associato a un aumento del rischio di melanoma in 25.000 uomini nello studio di follow-up dei professionisti della salute (HPFS), come riportato da Medscape Medical News.

Il dottor Michl ha riferito che il suo team spera di lavorare con i ricercatori HPFS per valutare i loro dati rispetto al cancro alla prostata.

Nel loro studio, i ricercatori tedeschi hanno esaminato i dati su 4752 uomini consecutivi che erano stati sottoposti a prostatectomia radicale dal 2000 al 2010 presso il Martini-Klinik, che è uno dei più grandi centri al mondo per il cancro alla prostata.

Dopo l’intervento chirurgico, circa un quarto degli uomini (23,4%) è stato trattato con un inibitore della PDE5 per la DE, che è una complicanza comune della procedura e un problema noto negli uomini anziani. I farmaci usati includevano sildenafil (Viagra), vardenafil (Levitra) e tadalafil (Cialis).

L’altro 76,6% degli uomini non ha ricevuto un inibitore della PDE5.

I due gruppi di pazienti erano comparabili sulla maggior parte dei parametri clinici.

Le stime di sopravvivenza biochimica libera da recidiva a cinque anni erano inferiori nel gruppo trattato rispetto al gruppo non trattato (84,7% vs 89,2%; P = 0,0006).

In altre parole, il trattamento ED con un inibitore della PDE5 è stato associato a una significativa riduzione del tasso di assenza di recidive.

Il follow-up mediano nello studio è stato di 60,3 mesi.

I ricercatori ipotizzano sui possibili meccanismi alla base dell’esito avverso.

“Gli effetti del sildenafil e di altri inibitori selettivi della PDE5 sul sistema immunitario, sullo sviluppo del nervo autonomo così come sull’angiogenesi, sono possibili cause dei nostri risultati”, scrivono.

Lo studio è il primo del suo genere. Nessun’altra ricerca ha esaminato l’uso di questi farmaci dopo la chirurgia del cancro alla prostata e il loro impatto sulla recidiva biochimica.

Tuttavia, un precedente studio osservazionale ha mostrato che l’uso di inibitori della PDE5 negli uomini con DE (e nessuna storia di cancro alla prostata) era associato a una ridotta incidenza nel tasso di cancro alla prostata (Asian J Androl.2013; 15: 246-248). Gli investigatori di Scott & White Healthcare a Temple, Texas, spiegano che gli uomini trattati con inibitori della PDE5 potrebbero eiaculare più spesso degli uomini non trattati, che ha dimostrato di avere un effetto protettivo contro il cancro alla prostata (JAMA. 2004; 291: 1578-1586).

Ci sono state anche più segnalazioni da parte di laboratori che questi farmaci potrebbero contrastare la crescita del cancro alla prostata e ritardare le metastasi.

In effetti, le prove di laboratorio sui farmaci per la DE nella prostata e in altri tumori hanno spinto alcuni ricercatori a chiedere il “riproposizione” degli inibitori della PDE5 per la chemioterapia adiuvante (Front Pharmacol. 2013; 4: 82).

“Significato clinico speciale”

Nell’analisi di regressione multivariata, l’uso di inibitori della PDE5 era un fattore di rischio indipendente per la recidiva biochimica (rapporto di rischio [HR], 1,38; P = 0,0035), riferiscono il dottor Michl e i suoi colleghi.

In particolare, il team non ha trovato alcuna associazione significativa tra recidiva biochimica ed età, indice di massa corporea (BMI) o fumo in quell’analisi. Queste tre variabili sono fattori di rischio noti per la DE e sono state associate a recidive biochimiche dopo prostatectomia.

All’analisi abbinata del punteggio di propensione (i parametri includevano l’antigene prostatico specifico, il punteggio di Gleason e lo stadio del tumore), la sopravvivenza libera da recidiva biochimica era significativamente peggiore nel gruppo trattato rispetto al gruppo non trattato (P = 0,005).

“La correzione per diversi fattori di confondimento non ha modificato questi risultati”, ha detto il dottor Michl.

Gli inibitori della PDE5 hanno “rivoluzionato” il trattamento della DE, riferiscono i ricercatori. Ma in questo momento, dicono, non è noto se sia una cosa buona o cattiva per gli uomini che hanno subito un intervento chirurgico per cancro alla prostata e usano questi farmaci.