Seleziona una pagina

La gestione del cancro alla prostata a basso rischio (che è improbabile che causi sintomi o influisca sulla sopravvivenza se non trattato) varia ampiamente tra urologi e oncologi radioterapici, con i pazienti la cui diagnosi è fatta da un urologo che tratta il cancro alla prostata non a basso rischio ha maggiori probabilità di ricevere trattamento vs. osservazione.

La maggior parte degli uomini negli Stati Uniti con cancro alla prostata a basso rischio di solito riceve un trattamento con prostatectomia o radioterapia e quindi è esposta a complicazioni correlate al trattamento tra cui disfunzione urinaria, sanguinamento rettale e impotenza. L'osservazione è un approccio alternativo. Ricerche precedenti indicano che gli uomini anziani con cancro alla prostata a basso rischio che scelgono l'osservazione hanno una sopravvivenza simile e meno complicazioni. Tuttavia, non è noto se le decisioni sulla gestione della malattia siano influenzate da fattori medici, comprese le caratteristiche dell'urologo che effettua la diagnosi.

Gli autori hanno analizzato i dati di un gruppo di uomini (di età pari o superiore a 66 anni) con cancro alla prostata a basso rischio (diagnosticato dal 2006 al 2009) per esaminare l'impatto dei medici sulla gestione della malattia.

Un totale di 2.145 urologi hanno diagnosticato un cancro alla prostata a basso rischio in 12.068 uomini durante il periodo di studio, di cui l'80,1% ha ricevuto un trattamento e il 19,9% è stato osservato. L'osservazione variava ampiamente tra gli urologi dal 4,5% al ​​64,2% dei pazienti. Gli urologi che trattano il cancro alla prostata non a basso rischio e si sono diplomati meno recentemente alla facoltà di medicina avevano meno probabilità di gestire la malattia a basso rischio con l'osservazione. I pazienti erano più propensi a sottoporsi a interventi medici, tra cui prostatectomia o radioterapia a fasci esterni, se il loro urologo eseguiva quella procedura. I tassi di osservazione variavano tra il 2,2% e il 46,8% consultando gli oncologi delle radiazioni.

"Postuliamo che l'urologo che esegue la diagnosi gioca un ruolo importante nella selezione del trattamento perché è il primo a trasmettere la diagnosi al paziente e discutere la gravità della malattia e le opzioni di gestione". Karen E. Hoffman, MD, MHSc., Dell'Università del Texas MD Anderson Cancer Center, Houston, e colleghi hanno scritto nel loro articolo di medicina interna JAMA.

ADT primario non associato a sopravvivenza migliorata per uomini con carcinoma prostatico localizzato

La terapia ormonale primaria di deprivazione androgenica (ADT) non è stata associata a un miglioramento della sopravvivenza (globale o specifica della malattia) negli uomini con carcinoma prostatico localizzato.

Non ci sono stati dati a sostegno dell'uso dell'ADT per il cancro alla prostata in stadio iniziale, tuttavia è stato ampiamente utilizzato come terapia primaria per la malattia localizzata, specialmente tra gli uomini più anziani. Poiché i tumori della maggior parte dei pazienti trattati con ADT diventeranno resistenti al trattamento entro pochi anni e poiché vi sono effetti avversi associati all'ADT, la tempistica dell'ADT è cruciale.

Gli autori hanno utilizzato i dati del programma SEER (Surveillance, Epidemiology and End Results) per valutare se l'ADT ha avuto un impatto sulla sopravvivenza a lungo termine in varie aree geografiche degli Stati Uniti Lo studio ha incluso 66.717 pazienti Medicare di età pari o superiore a 66 anni con diagnosi dal 1992 al 2009 che non hanno ricevuto una terapia locale definitiva (chirurgia o radioterapia) entro 180 giorni dalla diagnosi.

Dopo un follow-up mediano di 110 mesi, l'ADT primaria non è stata associata a un miglioramento della sopravvivenza globale a 15 anni o specifica per il cancro alla prostata dopo una diagnosi di cancro alla prostata a basso rischio. La sopravvivenza globale a 15 anni è stata del 20% nelle aree con elevato uso primario di ADT rispetto al 20,8% nelle aree a basso uso primario di ADT tra i pazienti con cancro moderatamente differenziato. La sopravvivenza del cancro alla prostata a 15 anni è stata del 90,6 per cento nelle aree ad alto e basso utilizzo. Tra i pazienti con tumori scarsamente differenziati, la sopravvivenza cancro-specifica a 15 anni è stata del 78,6% nelle aree ad alto uso contro il 78,5% nelle aree a basso uso; e la sopravvivenza globale a 15 anni è stata dell'8,6% nelle aree ad alto utilizzo contro il 9,2% nelle aree a basso utilizzo.

"Gli operatori sanitari ei loro pazienti più anziani dovrebbero valutare attentamente le nostre scoperte rispetto ai considerevoli effetti negativi e costi associati all'ADT primario prima di iniziare questa terapia negli uomini con cancro alla prostata clinicamente localizzato". Grace L. Lu-Yao, MPH, Ph.D., del Rutgers Cancer Institute del New Jersey e della Robert Wood Johnson Medical School, New Brunswick, NJ, e colleghi hanno scritto nel loro documento di medicina interna JAMA.

Commento: Misurazione dell'efficacia dell'ADT per il cancro alla prostata nei pazienti Medicare

In un commento correlato, Quoc-Dien Trinh, MDFRCSC, e Deborah Schrag, MD, MPH, del Dana-Farber Cancer Institute, Boston, scrivono: "In sintesi, sulla base sia di studi randomizzati che di dati osservazionali di SEER-Medicare e da reti di assistenza sanitaria integrate, non ci sono prove convincenti per prescrivere l'ADT da solo per gli uomini con cancro alla prostata localizzato.