Seleziona una pagina

Lo studio URMC suggerisce che il test dell'antigene prostatico specifico (PSA) e la diagnosi precoce possono prevenire fino a 17.000 casi di cancro alla prostata metastatico all'anno. I dati mostrano, infatti, che se i tassi di incidenza dell'era pre-PSA specifici per età dovessero verificarsi ai giorni nostri, il numero di uomini il cui cancro si era già diffuso al momento della diagnosi sarebbe tre volte maggiore.

"I nostri risultati sono molto importanti alla luce della recente controversia sui test del PSA", ha affermato Edward M. Messing, MD, coautore dello studio, presidente di Urology presso URMC e presidente della Society of Urologic Oncology. "Sì, ci sono compromessi associati al test del PSA e molti fattori influenzano l'esito della malattia. Eppure i nostri dati sono molto chiari: non fare il test del PSA comporterà che molti uomini si presenteranno con un cancro alla prostata molto più avanzato. E quasi tutti gli uomini con metastasi alla diagnosi moriranno di cancro alla prostata ".

Il cancro alla prostata di solito si verifica negli uomini più anziani ed è la seconda causa di morte per cancro nella popolazione maschile. Nel 2012 verranno diagnosticati circa 241.740 nuovi casi e si verificheranno 28.000 decessi. La prognosi dipende dal fatto che il cancro si sia diffuso al di fuori della ghiandola prostatica e dal grado di anomalia delle cellule tumorali.

Nel 2011 la US Preventative Services Task Force ha raccomandato contro lo screening del PSA in tutti gli uomini, suscitando critiche da parte della comunità medica. Il comitato governativo ha esaminato le prove scientifiche e ha concluso che lo screening ha poco o nessun beneficio o che i danni della diagnosi precoce superano i benefici. Una delle principali preoccupazioni, ad esempio, era che i medici eseguissero lo screening, la ricerca e il trattamento di tumori non aggressivi che avrebbero potuto rimanere tranquilli, facendo sì che i pazienti soffrissero inutilmente di gravi effetti collaterali del trattamento come l'incontinenza o la disfunzione erettile.

Gli Stati UnitiLe raccomandazioni della Task Force contro lo screening hanno causato una certa confusione e, in risposta, un gruppo speciale di esperti dell'American Society of Clinical Oncology questo mese ha emesso la propria opinione. Il panel ASCO ha deciso che per gli uomini con un'aspettativa di vita inferiore a 10 anni, lo screening generale con il test del PSA dovrebbe essere scoraggiato. Per gli uomini con un'aspettativa di vita più lunga, tuttavia, si raccomanda ai medici di discutere con i pazienti se il test del PSA è appropriato per loro.

Lo studio di Messing ha guardato indietro all'era precedente al 1986, quando nessuno veniva regolarmente sottoposto a screening per il cancro alla prostata con un test del PSA. Per analizzare l'effetto dello screening sullo stadio della malattia alla diagnosi iniziale, Messing e Emelian Scosyrev, Ph.D., assistente professore di urologia, hanno esaminato i dati dal 1983 al 2008 conservati dal più grande registro dei tumori della nazione, sorveglianza, epidemiologia e risultati finali o SEER. Hanno confrontato i dati SEER dall'era pre-PSA (1983-1985) con l'attuale era di uso diffuso di PSA (2006-2008) e aggiustati per età, razza e variazioni geografiche nella popolazione degli Stati Uniti.

Circa 8.000 casi di cancro alla prostata con metastasi alla presentazione iniziale si sono verificati negli Stati Uniti nel 2008. Utilizzando un modello matematico per stimare il numero di casi metastatici che si prevede si verifichino nel 2008 in assenza di screening del PSA, Scosyrev e Messing hanno previsto il numero sarebbero 25.000.

Gli autori hanno sottolineato che lo studio era osservazionale e presenta alcune limitazioni. In particolare è impossibile sapere se il test del PSA e la diagnosi precoce siano gli unici responsabili del minor numero di casi di metastasi alla diagnosi nel 2008.

Anche il potenziale lead time dello screening dovrebbe essere considerato quando si interpretano i risultati dello studio, ha detto Scosyrev. Per alcune persone uno stadio precoce del cancro al momento della diagnosi potrebbe non tradursi sempre in una migliore sopravvivenza. Ciò può accadere, ad esempio, nei casi in cui il cancro aveva già metastatizzato al momento dello screening, ma la metastasi non è stata rilevata.

In generale, tuttavia, lo studio ha concluso che lo screening massiccio e gli sforzi di sensibilizzazione sul PSA durante gli anni '90 e l'inizio degli anni 2000 hanno portato a sostanziali spostamenti verso la malattia allo stadio iniziale e un minor numero di casi di metastasi alla diagnosi.

Negli Stati Uniti negli ultimi 20 anni, ha detto Messing, i tassi di mortalità per cancro alla prostata sono stati ridotti di quasi il 40%. Ciò si è verificato senza cambiamenti sostanziali nel modo in cui gli uomini sono stati trattati (tramite chirurgia e radioterapia). Altri modelli pubblicati nella letteratura scientifica hanno suggerito che più del 50% di questa riduzione è dovuta alla diagnosi precoce.