Seleziona una pagina

La Task Force ha pubblicato l’ultima raccomandazione sullo screening del cancro alla prostata nel 2008. All’epoca, i ricercatori hanno concluso che non c’erano prove a sostegno del test del PSA per uomini di età superiore ai 75 anni. Un gruppo di esperti indipendenti ha esaminato le prove pubblicate dal 2008 e ha concluso che il i danni del test del PSA superano i benefici indipendentemente dall’età. La Task Force considera i benefici e i danni per la salute, ma non i costi, quando sviluppa le raccomandazioni.

L’obiettivo principale dei programmi di screening del cancro alla prostata è salvare vite umane e prevenire malattie sintomatiche. La Task Force ha preso in considerazione due prove principali di test del PSA in uomini asintomatici per valutare i benefici salvavita del test del PSA. Il primo studio, condotto negli Stati Uniti, non ha dimostrato alcuna riduzione della mortalità per cancro alla prostata a seguito dello screening. Il secondo studio, condotto in sette paesi europei, ha rilevato una riduzione delle morti per cancro alla prostata di circa un decesso prevenuto ogni 1.000 uomini sottoposti a screening in un sottogruppo di uomini di età compresa tra 55 e 69 anni, principalmente in due paesi. Cinque dei sette paesi che hanno riportato i risultati non hanno riscontrato una riduzione statisticamente significativa dei decessi.

Una forte evidenza mostra che lo screening del PSA è associato a danni significativi. Quasi il 90% degli uomini con cancro alla prostata rilevato da PSA si sottopone a un trattamento precoce con chirurgia, radioterapia o terapia di deprivazione androgenica. L’evidenza mostra che fino a cinque uomini su 1.000 moriranno entro un mese dalla chirurgia del cancro alla prostata e tra 10 e 70 uomini sopravviveranno, ma soffriranno di effetti avversi per tutta la vita come incontinenza urinaria, disfunzione erettile e disfunzione intestinale.

Secondo William J. Catalona, ​​MD, Direttore medico della Urological Research Foundation e autore di un editoriale di accompagnamento, la raccomandazione della Task Force ha sottovalutato i benefici e sovrastimato i danni dello screening del cancro alla prostata. Lui ei suoi coautori sostengono che la Task Force – il cui panel non include urologi o specialisti del cancro – basa in gran parte le sue raccomandazioni su studi imperfetti con tempi di follow-up inadeguati. Inoltre, le raccomandazioni della Task Force si concentrano sulla mortalità e non prendono in considerazione la sostanziale malattia legata alla convivenza con il cancro avanzato.

Il coautore editoriale, il dottor Henry Lynch, direttore dell’Hereditary Cancer Center presso la Creighton University, aggiunge che le raccomandazioni della Task Force escludono anche le popolazioni ad alto rischio e gli uomini più giovani. Gli autori esprimono la preoccupazione che le nuove raccomandazioni riporteranno gli americani a un’epoca in cui il cancro alla prostata veniva spesso scoperto in stadi avanzati e incurabili.

“Le raccomandazioni della USPSTF hanno un peso considerevole con Medicare e altri assicuratori di terze parti”, ha detto il dottor Lynch. “I miei colleghi ed io crediamo fermamente che le raccomandazioni della Task Force non dovrebbero essere utilizzate come giustificazione dagli assicuratori, compreso Medicare, per negare la diagnosi di cancro alla prostata alla popolazione maschile a rischio”.

Eppure, secondo Otis W. Brawley, MD, MPH, Chief Medical Officer dell’American Cancer Society e autore di un secondo commento di accompagnamento, la diagnosi eccessiva fa sembrare che lo screening salvi vite quando in realtà non lo fa. A molti uomini viene diagnosticato un cancro alla prostata che potrebbe non essere mai progredito nel corso della loro vita. Tuttavia, poiché sono stati esaminati e trattati, pensano che lo screening abbia salvato loro la vita.

“Molte persone hanno una fiducia cieca nella diagnosi precoce del cancro e nel successivo intervento medico aggressivo ogni volta che viene scoperto il cancro”, ha scritto il dottor Brawley. “C’è poco apprezzamento dei danni che lo screening e gli interventi medici possono causare”.

Nell’ottobre 2011, la Task Force ha pubblicato i suoi progetti di raccomandazioni per il commento pubblico. A quel tempo, la Task Force aveva assegnato allo screening del PSA un grado “D”, il che significa che i medici non dovevano offrire il test perché i danni superano i benefici. Molte persone che hanno commentato le raccomandazioni hanno esortato la Task Force a modificare la raccomandazione in un grado “C”, il che significa che i medici potrebbero fornire il test ai pazienti che lo richiedono. Tuttavia, non sono state presentate nuove prove. La raccomandazione rimane invariata.

Mentre la raccomandazione afferma chiaramente che i medici non dovrebbero offrire lo screening del PSA, la Task Force afferma che lascia il potere finale nelle mani degli operatori sanitari.

“L’USPSTF riconosce che le decisioni cliniche, politiche e di copertura implicano più considerazioni che prove da sole”, ha affermato il presidente della Task Force, Virginia A. Moyer, MD, MPH del Baylor College of Medicine di Houston, TX.