Seleziona una pagina

Il cancro alla prostata è una delle forme più comuni di malattia negli uomini, ma in molti casi è una malattia a crescita lenta con una sopravvivenza relativamente buona, anche se non trattata. Il trattamento può includere la chirurgia o la radioterapia, ma entrambi possono causare incontinenza urinaria e perdita della funzione sessuale. Alcuni pazienti trascorreranno settimane o mesi a riprendersi dai trattamenti e alcuni potrebbero aver bisogno di un secondo ciclo di trattamento.

Il nuovo studio suggerisce che, sebbene i pazienti apprezzino una vita più lunga, apprezzano anche la qualità della vita e potrebbero essere disposti a scegliere meno trattamenti su questa base.

Lo studio è stato presentato da Hashim Ahmed, presidente e professore di urologia, Imperial College London e presidente del Prostate Cancer Clinical Studies Group dell'NCRI. Ha spiegato: "Gli uomini con carcinoma prostatico precoce devono scegliere tra sorveglianza attiva, con controlli regolari e terapia più invasiva, come la rimozione della ghiandola prostatica o la radioterapia. Ricerche precedenti suggeriscono che gli uomini con cancro alla prostata a basso rischio non ottengono miglioramenti nella sopravvivenza a dieci anni dopo il trattamento. Gli uomini con cancro alla prostata ad alto rischio ottengono un miglioramento del 5% nella sopravvivenza a dieci anni con il trattamento. Negli uomini con malattia a medio rischio c'è incertezza sul fatto che il trattamento influenzi la sopravvivenza.

"Gli uomini che hanno un trattamento soffrono di effetti collaterali tra cui l'incontinenza urinaria, che richiedono l'uso quotidiano di assorbenti, perdita della funzione erettile, nonostante farmaci come il Viagra, e alcuni richiedono un ulteriore trattamento.

"Sappiamo che gli uomini desiderano vivere più a lungo, ma molti uomini si deprimono dopo il trattamento e la loro qualità di vita e le relazioni personali ne risentono".

Il professor Ahmed ei suoi colleghi hanno lavorato con 634 uomini a cui era stato recentemente diagnosticato un cancro alla prostata negli ospedali del Regno Unito. Agli uomini era stata comunicata solo la diagnosi e fornite informazioni generali. Non avevano ancora discusso di alcun trattamento specifico con i loro medici.

In tutti i casi, il cancro non si era ancora diffuso. Il 74% aveva un cancro a basso o medio rischio e il 26% aveva un cancro ad alto rischio.

Agli uomini sono stati presentati due diversi trattamenti ipotetici che erano diversi in termini di probabile impatto su sopravvivenza, incontinenza, impotenza, tempo di recupero e possibilità di aver bisogno di ulteriori trattamenti. Agli uomini è stato chiesto di dire quale dei due ipotetici trattamenti avrebbero scelto e questo è stato ripetuto più volte con impatti variabili sulla sopravvivenza e sugli effetti collaterali.

Sulla base delle scelte degli uomini, i ricercatori sono stati in grado di quantificare l'importanza media di ciascun fattore per gli uomini.

I risultati hanno mostrato che la sopravvivenza era il fattore più importante, seguita dall'evitare l'incontinenza, dal non aver bisogno di ulteriori trattamenti e, infine, dal mantenimento dell'erezione.

Tuttavia, hanno anche suggerito che i pazienti fossero disposti a fare dei compromessi tra effetti collaterali e sopravvivenza. Le scelte fatte dagli uomini suggeriscono che, in media, erano disposti a rinunciare a una probabilità dello 0,68% di migliorare la sopravvivenza se ciò significava che potevano ottenere un miglioramento dell'1% nella possibilità di mantenere la funzione urinaria. Erano anche disposti a rinunciare a una possibilità dello 0,41% di migliorare la sopravvivenza in cambio di un miglioramento dell'1% nella possibilità di non aver bisogno di ulteriori cure. Per una probabilità dell'uno per cento di raggiungere l'erezione, erano disposti a scambiare una probabilità dello 0,28% di migliorare la sopravvivenza.

Il professor Ahmed ha dichiarato: "È facile presumere che la motivazione principale dei pazienti sia la sopravvivenza, ma questa ricerca mostra che la situazione è più sfumata. Gli uomini vogliono una lunga vita ma apprezzano molto i trattamenti che hanno bassi effetti collaterali, tanto che, su media, erano disposti ad accettare una sopravvivenza inferiore se ciò significava che il rischio di effetti collaterali era basso. La quantità di sopravvivenza inferiore che erano disposti ad accettare è più o meno la stessa del piccolo beneficio che potrebbero aspettarsi dalla chirurgia radicale o dalla radioterapia invece della sorveglianza attiva.

"Ogni paziente differisce per quanto riguarda il trattamento che preferisce, ma può aiutarli a sapere che molti uomini pensano all'equilibrio tra la quantità e la qualità della vita e non dovrebbero sentire che è sbagliato avere pensieri simili".

Ha aggiunto: "Sono interessato a strategie che riducano i danni ai pazienti e limitino l'impatto dei trattamenti sugli effetti collaterali e sulla qualità della vita. Per molti pazienti ciò significa optare per la sorveglianza attiva o trattamenti meno invasivi come la terapia focale".

La terapia focale utilizza il calore o il freddo per colpire il cancro, al contrario dell'intera prostata, al fine di ridurre gli effetti collaterali, ma non è disponibile in tutti gli ospedali. I ricercatori non hanno raccolto informazioni sui trattamenti scelti dai pazienti, in parte perché le opzioni reali disponibili variavano tra gli ospedali.

Il professor Ahmed afferma che sono necessarie ulteriori ricerche su trattamenti meno invasivi come la terapia focale e su come migliorare la sorveglianza attiva utilizzando l'imaging invece di biopsie ripetute.

Robert Jones è presidente del sottogruppo Advanced Disease Prostate Cancer Clinical Studies dell'NCRI, professore di ricerca clinica sul cancro presso l'Università di Glasgow e non è stato coinvolto nella ricerca. Ha detto: "Questa ricerca mostra che i pazienti sono disposti e in grado di fare compromessi tra diversi aspetti del trattamento e potrebbero voler scegliere trattamenti o strategie che hanno meno effetti collaterali, anche se la sopravvivenza non è così buona.