Seleziona una pagina

Vuoi altre notizie? Iscriviti alle newsletter di MedicineNet!

Fonte: notizie sulla salute di MedicineNet

Un nuovo modo di utilizzare le onde sonore per trattare il cancro alla prostata è efficace e produce effetti collaterali minimi, dicono i ricercatori.

Guidata dalla risonanza magnetica, una nuova procedura ecografica non ha portato a prove di cancro dopo un follow-up di un anno nel 65% degli uomini in uno studio clinico, secondo una presentazione fatta questa settimana all'incontro annuale della Radiological Society of North America (RSNA). Il cancro è quasi o completamente scomparso nell'80% dei 115 uomini che hanno ricevuto la procedura, hanno detto i ricercatori.

Il trattamento si chiama ablazione ecografica transuretrale (TULSA) e richiede in media 51 minuti per essere eseguito.

"Abbiamo visto ottimi risultati nei pazienti, con una drastica riduzione di oltre il 90 per cento del volume della prostata e bassi tassi di impotenza con quasi assenza di incontinenza", ha detto il coautore dello studio Steven S. Raman, MD, professore di radiologia e urologia e direttore della RM della prostata e degli interventi e della ricerca sull'imaging della prostata presso l'Università della California a Los Angeles.

Se gli studi di follow-up confermano questi risultati, i ricercatori dicono che questo strumento potrebbe essere utilizzato sia per il cancro alla prostata che per l'iperplasia prostatica benigna.

Il cancro alla prostata è il tumore più comunemente diagnosticato negli uomini, secondo il CDC, rappresentando 101,4 casi su 100.000 uomini in media nell'anno 2016, l'ultimo anno fornito dall'agenzia per tali statistiche. È anche il terzo tumore più mortale negli uomini, dietro il cancro ai polmoni e al colon-retto, secondo l'autore di MedicineNet Pamela I. Ellsworth, MD.

Cos'è il cancro alla prostata?

La prostata è una ghiandola a forma di noce che fa parte del sistema riproduttivo maschile che avvolge l'uretra maschile alla sua uscita dalla vescica, ha detto il dottor Ellsworth. È in parte responsabile della produzione della parte liquida dello sperma ed è quindi essenziale per la riproduzione.

Il cancro alla prostata deriva dal tessuto ghiandolare, ha detto il dottor Ellsworth, aggiungendo che questa malattia colpisce comunemente gli uomini di età superiore ai 50 anni, con il rischio che aumenta con l'età.

Secondo il dottor Ellsworth, i problemi con la prostata possono iniziare con una varietà di sintomi, tra cui:

  • diminuzione della forza del flusso di urina;
  • difficoltà di avviamento (esitazione);
  • la necessità di sforzarsi per urinare;
  • arresto / avvio del flusso di urina (intermittenza);

minzione frequente; – dribbling; dolore o bruciore durante la minzione; disfunzione erettile; – eiaculazione dolorosa; sangue nelle urine o nello sperma e / o dolore profondo alla schiena, all'anca, pelvico o addominale.

Altri sintomi possono includere perdita di peso, dolore osseo e gonfiore degli arti inferiori.

I ricercatori non sono stati in grado di identificare la causa esatta di questo cancro. Ma hanno identificato i fattori che aumentano il rischio di un uomo, ha detto il dottor Ellsworth. Questi includono la suscettibilità genetica, che può essere ereditata o svilupparsi dopo la nascita, così come l'età, la storia familiare, la nazionalità, l'obesità e una dieta ricca di grassi e povera di frutta e verdura.