Seleziona una pagina

I risultati, pubblicati mercoledì sulla rivista Cancer Research, si aggiungono alla crescente evidenza che molti piccoli tumori alla prostata a crescita lenta possono essere lasciati nel corpo e monitorati attentamente invece di essere trattati con chirurgia, radiazioni, terapia ormonale o farmaci.

I medici chiamano questo approccio "sorveglianza attiva", ed è sempre più visto come un modo per ridurre il rischio che gli uomini soffrano di effetti collaterali come l'incontinenza e la disfunzione erettile dopo aver trattato tumori che non li avrebbero uccisi. Il National Cancer Institute stima che quest'anno 238.590 uomini riceveranno una nuova diagnosi di cancro alla prostata, sebbene i tumori siano generalmente a crescita lenta e la maggior parte dei pazienti morirà per qualcos'altro.

I ricercatori si sono proposti di determinare se i tumori alla prostata iniziano come escrescenze indolenti e diventano più pericolosi nel tempo, o se il loro livello di aggressività rimane costante.

A tal fine, gli autori dello studio hanno esaminato 1.200 casi di uomini a cui è stata asportata la prostata dal 1982 al 2004 a causa del cancro. Il campione era costituito da uomini a cui era stata diagnosticata prima e dopo l'introduzione del test dell'antigene prostatico specifico all'inizio degli anni '90, che divenne uno strumento popolare per diagnosticare il cancro alla prostata negli uomini che non avevano ancora sviluppato i sintomi della malattia.

I ricercatori si sono concentrati su due misure che vengono spesso utilizzate per prevedere il comportamento di un tumore. La prima misura, stadio, descrive la misura in cui si è diffuso un cancro. La seconda misura, il punteggio di Gleason, descrive quanto le cellule normali o anormali siano all'interno del tessuto malato.

Come previsto, l'incidenza dei tumori in stadio avanzato è precipitata dopo l'introduzione dello screening del PSA, perché più tumori sono stati rilevati precocemente. I ricercatori hanno scoperto che i tumori in stadio avanzato, definiti come T3 o superiori, costituivano il 20% dei casi diagnosticati dal 1982 al 1993, ma costituivano solo il 3% dei casi diagnosticati dal 2000 al 2004.

Al contrario, il numero di tumori di alto grado di Gleason – quelli sopra 8 – è rimasto relativamente stabile: hanno costituito il 25% del campionamento dal 1982 al 1993 ed è sceso al 18% nel 2000-2004.

I ricercatori hanno stabilito che l'aggressività del cancro deve rimanere fissa; in caso contrario, i punteggi di Gleason alti sarebbero diminuiti in modo più netto, in linea con i tumori in stadio avanzato.

Il leader dello studio Kathryn Penney, epidemiologa del Brigham and Women's Hospital di Boston e della Harvard School of Public Health, ha affermato che i risultati supportano l'idea di una sorveglianza attiva per la maggior parte dei pazienti con cancro alla prostata.

"Questo non è un motivo in sé e per sé per prendere la sorveglianza attiva", ha detto. "Ma se il medico di un paziente raccomanda una sorveglianza attiva e il paziente è d'accordo, questo risultato può far sentire un uomo più a suo agio nel fare quella scelta".

Tuttavia, Penney ha riconosciuto che c'erano ancora uomini con alti gradi di malattia che sono sopravvissuti e uomini con voti bassi che sono morti di malattia.

"Pensiamo che mentre Gleason stessa potrebbe essere una caratteristica fissa, ci sono probabilmente altri fattori che giocano un ruolo", come fattori di dieta e stile di vita come il fumo, ha detto.

Il dottor Robert Reiter, che dirige il programma per il cancro alla prostata presso l'Università della California, a Los Angeles, ha detto che lo studio è importante perché ha affrontato la questione fondamentale se i tumori diventano più aggressivi con il passare dei mesi e degli anni.