Seleziona una pagina

Nel 2014, il cancro alla prostata a basso rischio era il tipo più comune di cancro alla prostata diagnosticato negli Stati Uniti, colpendo circa 150.000 pazienti, molti dei quali sottoposti a un trattamento aggressivo, rimozione completa della prostata o radiazioni.

"Il nostro studio solleva la questione provocatoria se la riduzione della dose di radiazioni per i pazienti con cancro alla prostata a basso rischio possa raggiungere tassi di guarigione simili evitando il rischio aumentato di effetti collaterali associati a dosi di radiazioni più elevate", ha detto l'autore principale dello studio, Anusha Kalbasi, MD, residente nel dipartimento di radioterapia oncologica presso la Perelman School of Medicine presso l'Università della Pennsylvania.

Utilizzando i dati del National Cancer Database, lo studio ha utilizzato metodi analitici specializzati per confrontare i tassi di sopravvivenza di 42.481 uomini in assenza di uno studio clinico randomizzato. Alcuni uomini hanno ricevuto una dose standard di radiazioni mentre altri hanno ricevuto una dose maggiore di radiazioni. Per gli uomini con forme di cancro alla prostata a medio e alto rischio, lo studio ha rilevato che per ogni aumento incrementale della dose di radiazioni, c'è stata una riduzione del 7,8% e del 6,3% del tasso di morte per qualsiasi causa. Per gli uomini con cancro a basso rischio, non sono state riscontrate differenze nella sopravvivenza sia che ricevessero il dosaggio standard di radiazioni o un dosaggio più alto.

Lo studio è il primo a collegare una maggiore dose di radiazioni con tassi di sopravvivenza più elevati. Studi precedenti hanno collegato l'aumento della dose di radiazioni con due misure chiave: punteggi PSA stabili e assenza di ricrescita nei tumori della prostata a seguito di radiazioni riuscite.

Il team guidato dalla Penn ha esaminato gli uomini a cui è stato diagnosticato un cancro alla prostata tra il 2004 e il 2006 e li ha seguiti fino al 2012. Nel 2004, il 56% di questi uomini ha ricevuto dosaggi più elevati di radiazioni. Oggi, la cifra è di circa il 90 percento.

Kalbasi ei suoi colleghi hanno scoperto che nel gruppo di uomini a basso rischio, i tassi di sopravvivenza aggiustati a sette anni erano dell'86% sia per i pazienti a dose standard che per quelli a dose più alta. Nel gruppo di uomini a medio rischio, i tassi di sopravvivenza aggiustati a sette anni sono stati dell'82% e del 78% rispettivamente per i pazienti con dose più alta e con dose standard. Nel gruppo di uomini ad alto rischio, i tassi di sopravvivenza aggiustati a sette anni sono stati del 74% e del 69% rispettivamente per i pazienti con dose più alta e con dose standard.

I medici dividono il cancro alla prostata localizzato (cancro alla prostata che si trova solo nella ghiandola prostatica e che non si è diffuso al di fuori della prostata) in tre gruppi di rischio. È improbabile che i tumori alla prostata a basso rischio crescano o si diffondano per molti anni. È improbabile che i tumori a medio rischio crescano o si diffondano per alcuni anni. I tumori ad alto rischio possono crescere o diffondersi entro pochi anni. Tre criteri vengono generalmente utilizzati per classificare il rischio di cancro alla prostata: livello di PSA, punteggio di Gleason e stadio T. Il PSA è una proteina prodotta da cellule prostatiche normali e cancerose; un alto livello di PSA può essere un segno di cancro. Il punteggio di Gleason è una valutazione qualitativa di tutte le cellule tumorali che possono essere presenti. Lo stadio T si riferisce alla dimensione e all'estensione dei tumori.

La radioterapia è associata ad effetti collaterali e tali effetti collaterali hanno dimostrato di aumentare con la dose di radiazioni, ha detto Kalbasi. Per i pazienti sottoposti a radiazioni alla prostata, gli effetti collaterali includono affaticamento, frequenza e urgenza urinaria, cambiamenti nelle abitudini intestinali e disfunzione erettile.

Il cancro alla prostata è il tumore più comune diagnosticato tra gli uomini americani e causa più morti ogni anno tra gli uomini rispetto a qualsiasi altro tumore tranne il cancro ai polmoni. Tuttavia, la grande maggioranza degli uomini colpiti da cancro alla prostata alla fine muore per altre cause, spingendo i ricercatori a condurre studi per identificare chi trae maggior beneficio dal trattamento e quali dovrebbero essere tali trattamenti.