Seleziona una pagina

I ricercatori delle università di Bristol e Oxford hanno scoperto che testare uomini asintomatici con PSA rileva alcune malattie che difficilmente causerebbero alcun danno, ma mancano anche alcuni tumori della prostata aggressivi e letali.

Ciò evidenzia i difetti di un singolo test del PSA come metodo per lo screening del cancro alla prostata e mostra la necessità di trovare modi più accurati per diagnosticare i tumori che devono essere trattati.

La sperimentazione CAP, che ha coinvolto quasi 600 studi medici di medicina generale nel Regno Unito e includeva più di 400.000 uomini di età compresa tra 50 e 69 anni, è la più grande sperimentazione mai condotta sullo screening del cancro alla prostata. Lo studio ha confrontato 189.386 uomini che sono stati invitati a fare un test PSA una tantum con 219.439 uomini che non sono stati invitati per lo screening.

Dopo una media di 10 anni di follow-up, ci sono stati 8.054 (4,3%) tumori alla prostata nel gruppo sottoposto a screening e 7.853 (3,6%) casi nel gruppo di controllo. Fondamentalmente, entrambi i gruppi avevano la stessa percentuale di uomini che muoiono di cancro alla prostata (0,29%).

Non esiste un programma nazionale di screening per il cancro alla prostata nel Regno Unito, ma gli uomini sopra i 50 anni possono chiedere al proprio medico di famiglia un test del PSA.

Più di 11.000 uomini muoiono di cancro alla prostata ogni anno nel Regno Unito. Mentre alcuni tumori alla prostata sono aggressivi e letali, altri sono clinicamente insignificanti e non porteranno mai a danni o morte se non vengono rilevati. Idealmente, i tumori prostatici aggressivi devono essere identificati e trattati il ​​prima possibile. Ma trovare un cancro che non avrebbe mai causato danni agli uomini durante la loro vita può avere un grave impatto sulla qualità della vita, inclusa la preoccupazione di una diagnosi di cancro, la possibilità di infezione a seguito di una biopsia e l'impotenza e l'incontinenza dopo il trattamento.

Il professor Richard Martin, autore principale e scienziato britannico per la ricerca sul cancro presso l'Università di Bristol, ha dichiarato: "Il nostro ampio studio ha fatto luce su una questione molto dibattuta. Abbiamo scoperto che offrire un singolo test del PSA a uomini senza sintomi di cancro alla prostata non salva vite dopo un follow-up medio di 10 anni.

"I risultati evidenziano la moltitudine di problemi che il test PSA solleva – causando ansia e trattamento inutili diagnosticando il cancro alla prostata in uomini che non ne sarebbero mai stati colpiti e non riuscendo a rilevare pericolosi tumori alla prostata. Cancer Research UK sta finanziando un lavoro che ci permetterà seguire gli uomini per almeno altri cinque anni per vedere se ci sono benefici a lungo termine sulla riduzione delle morti per cancro alla prostata ".

La dott.ssa Emma Turner, scienziata britannica per la ricerca sul cancro presso l'Università di Bristol e coautrice dello studio, ha affermato: "Il cancro alla prostata è la seconda causa più comune di morte per cancro negli uomini nel Regno Unito. Ora dobbiamo trovare modi migliori per diagnosi di tumori prostatici aggressivi che devono essere trattati precocemente ".

Il dottor Richard Roope, esperto di medicina generale del Cancer Research UK, ha dichiarato: "Il test del PSA è uno strumento schietto che manca delle sottigliezze della malattia e causa danni agli uomini.

"Questo studio dimostra che dobbiamo sviluppare strumenti più accurati se vogliamo salvare la vita degli uomini. La ricerca sul cancro del Regno Unito per trovare le prime fasi del cancro alla prostata aggressivo non è finita. Ad esempio, stiamo finanziando la ricerca sui geni difettosi che producono alcuni gli uomini hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro alla prostata e studiano come questi geni potrebbero aiutare i medici a identificare i pazienti che sono più a rischio.