Seleziona una pagina

Questo è un invito alla riflessione su come affrontiamo la produzione di conoscenza medica e l'innovazione tecnologica medica ", ha detto Aronowitz.

Nel 2012, la US Preventive Services Task Force ha raccomandato che gli uomini sani non fossero sottoposti a screening per il cancro alla prostata con i test del PSA. Milioni di uomini, prima e dopo questa raccomandazione, sono stati sottoposti a test di screening del PSA. Se il livello di PSA di un individuo è superiore a un certo valore, può essere consigliato da un medico di sottoporsi a test ripetuti o una biopsia tissutale per cercare cellule tumorali. La biopsia è una procedura invasiva e può portare a procedure aggiuntive che aumentano il loro potenziale di effetti dannosi. La recente decisione della Task Force afferma che il test ha "un beneficio potenziale molto piccolo e danni potenziali significativi".

Interessato a come il test del PSA e altre misure di screening per il cancro alla prostata sono diventati importanti, Aronowitz stava studiando la storia dello screening quando si è imbattuto in una storia "in gran parte dimenticata".

Nel 1951, un giovane urologo di New York iniziò uno studio per determinare se la biopsia delle ghiandole prostatiche di uomini senza segni o sintomi, e quindi trattare in modo aggressivo quegli individui che avevano diagnosi di cancro ai tessuti, potesse ridurre le morti per cancro alla prostata.

Aronowitz descrive in dettaglio la storia del processo dell'urologo, durato più di un decennio e nel quale sono stati reclutati più di 1.200 senzatetto e alcolisti del quartiere Bowery di New York. I partecipanti si sono recati al Francis Delafield Hospital, dove hanno ricevuto un esame fisico, raggi X e vari test invasivi, inclusa una biopsia prostatica che ha comportato la rimozione di una considerevole quantità di tessuto. Gli uomini i cui campioni contenevano cellule cancerose sono stati quindi sottoposti a un trattamento aggressivo, che in genere includeva la rimozione della ghiandola prostatica e dei testicoli e la somministrazione di un estrogeno sintetico.

Sebbene i registri non siano chiari, alcuni uomini potrebbero aver fornito una forma di "consenso informato" e alcuni potrebbero essere stati consapevoli di partecipare alla ricerca, ha scoperto Aronowitz. Ma il loro status di vulnerabilità, di senzatetto e alcolizzato, pone la questione se stessero entrando nella ricerca con vero libero arbitrio e comprensione, ha detto Aronowitz. Dato lo stato delle conoscenze cliniche, ha osservato, questi uomini in gran parte asintomatici erano chiaramente anche esposti a rischi indebiti.

Anche se la procedura di biopsia prostatica oggi richiede la rimozione di molto meno tessuto ed è meno pericolosa, Aronowitz traccia una connessione tra la popolazione vulnerabile di Bowery ei milioni di uomini che ogni anno vengono sottoposti a biopsia per cancro dopo aver registrato un livello elevato in un test di screening del PSA.

"I pazienti oggi spesso non sono completamente informati sui rischi e sui benefici dello screening del PSA", ha detto Aronowitz. "Ancora più importante, e come gli uomini Bowery, molti uomini oggi, e certamente gli uomini nell'era prima che i risultati di buoni studi clinici fossero disponibili, non sono stati informati nel senso di sapere se il test, e tutto ciò che potrebbe innescare ne vale la pena o no. "

Nel documento Bulletin of the History of Medicine, Aronowitz scrive che gli atteggiamenti della società verso il cancro alla prostata sono cambiati a seguito della successiva innovazione medica che ha modificato molti aspetti della serie Bowery ma aveva obiettivi simili. Laddove il cancro alla prostata una volta veniva diagnosticato solo in fasi molto avanzate quando era quasi sempre fatale, i nuovi test di screening hanno consentito molte diagnosi in fasi molto precedenti, prima che i pazienti manifestassero i sintomi.

Secondo Aronowitz, tuttavia, le prove che ora abbiamo da studi randomizzati controllati non mostrano che lo screening salva vite umane o mostra un beneficio molto piccolo che molti uomini sentiranno non supera i molti danni conosciuti dai trattamenti contro il cancro, in particolare l'incontinenza e l'impotenza. Che sia efficace o meno, la diffusione di massa dello screening e delle pratiche correlate si è verificata in modo "privo di prove" e ha trasformato il cancro alla prostata in una malattia, ha affermato Aronowitz.

"Non è solo costoso o un po 'scomodo lasciare che l'innovazione avvenga e affrontare le conseguenze etiche e cliniche in un secondo momento", ha detto. "Siamo finiti con non solo 1.200 ma milioni di uomini che sono stati sottoposti a screening, e forse un quinto di loro continua a ricevere un trattamento più radicale.

"Penso che quando guardi indietro alla serie di Bowery, le persone coinvolte stavano agendo in buona fede", ha aggiunto. "Così sono state molte persone che hanno promosso il test del PSA quando hanno pensato o continuano a pensare che sia logico utilizzare un test che rileva il cancro abbastanza presto perché i trattamenti radicali lo rimuovano dal corpo.