Seleziona una pagina

Gli uomini con cancro alla prostata potrebbero trarre vantaggio dalla radioterapia radicale che fornisce il trattamento in soli cinque giorni invece dei soliti 37.

Al momento, i pazienti devono recarsi in ospedale dal lunedì al venerdì ogni settimana per quasi due mesi.

Ma i medici di Londra stanno conducendo un'importante sperimentazione per fornire una terapia più potente in cinque sessioni giornaliere.

Gli uomini con cancro alla prostata potrebbero trarre vantaggio dalla radioterapia radicale che fornisce il trattamento in soli cinque giorni

Oltre ad essere più conveniente per gli uomini, farà risparmiare milioni di sterline all'NHS e gli scienziati ritengono che potrebbe anche ridurre gli effetti collaterali.

Uno studio su 1.800 pazienti è stato avviato presso il Royal Marsden Hospital e l'Istituto di ricerca sul cancro di Londra. Ricevono un intervento chirurgico o un corso di radioterapia di cinque giorni, 37 giorni o 20 giorni.

ARTICOLI CORRELATI

Precedente

1

Il prossimo

L'infermiera oncologica che ha dedicato la sua vita ad aiutare i pazienti è… I cattivi stili di vita sono la causa di 2.500 casi di cancro a settimana poiché…

Condividi questo articolo

Condividere

L'NHS England ha dichiarato a novembre che il corso di 20 giorni dovrebbe diventare la procedura standard. Gli scienziati monitoreranno gli uomini per cinque anni per vedere se il corso di cinque giorni è efficace nel sconfiggere il cancro alla prostata come gli altri.

Circa 15.000 uomini con cancro alla prostata ricevono radioterapia ogni anno, quasi un terzo dei 47.000 diagnosticati in Gran Bretagna ogni anno.

Si prevede che il trattamento salverà milioni di NHS e sarà anche più conveniente per i malati

Il trattamento è efficace, soprattutto se somministrato in una fase precoce della malattia, quando eradica definitivamente il 60 per cento dei tumori.

Ma può comportare effetti collaterali a lungo termine, tra cui impotenza, problemi intestinali e persino cancro alla vescica.

Il Daily Mail sta facendo una campagna per migliorare i trattamenti e la diagnosi del cancro alla prostata, che sono in ritardo di anni rispetto a quelli per altri tumori.

Lo studio prevede l'aumento della potenza delle radiazioni a più del doppio della dose originale con un minor numero di trattamenti.

La scansione MRI significa che i radiologi possono anche concentrare radiazioni più elevate sul nucleo del cancro, piuttosto che irradiare l'intera prostata.

Il professor David Dearnaley, dell'Istituto di ricerca sul cancro, ha dichiarato: "Se si mantiene l'efficacia del trattamento e lo si rende più conveniente, con meno effetti collaterali, è davvero un bene". Non abbiamo ancora dimostrato che sia così buono, ma è possibile. '