Seleziona una pagina

Uno studio del Regno Unito suggerisce che gli uomini con cancro alla prostata a cui viene rimossa la ghiandola possono avere la stessa probabilità di soffrire di postumi come la disfunzione erettile e l'incontinenza urinaria con la chirurgia robotica.

I ricercatori hanno esaminato i dati su uomini con cancro alla prostata localizzato che hanno subito un'operazione nota come prostatectomia radicale. Questi includevano 1.310 uomini che avevano procedure assistite da robot minimamente invasive, 427 che avevano altre operazioni minimamente invasive e 422 che avevano un intervento chirurgico che comportava un'incisione attraverso la parete addominale.

Quando i ricercatori hanno intervistato gli uomini 18 mesi dopo le loro operazioni, non c'erano differenze significative tra i gruppi nella frequenza con cui i pazienti hanno riferito problemi con la funzione sessuale, incontinenza urinaria o movimenti intestinali.

Anche il tipo di intervento chirurgico non sembra influenzare la qualità della vita, riferiscono i ricercatori sul British Journal of Cancer.

I risultati suggeriscono che gli uomini non dovrebbero prendere decisioni chirurgiche basandosi esclusivamente sul fatto che le procedure verranno eseguite utilizzando robot, ha affermato l'autore principale dello studio, la dott.ssa Julie Nossiter della London School of Hygiene and Tropical Medicine.

"L'esperienza e l'abilità di un singolo chirurgo e le prestazioni comparative di un centro chirurgico dovrebbero guidare le decisioni sul trattamento", ha detto Nossiter via e-mail.

Molti uomini con cancro alla prostata in stadio iniziale potrebbero non aver bisogno di cure subito, o mai, perché questi tumori spesso non crescono abbastanza velocemente da causare sintomi o dimostrarsi fatali. Il trattamento può avere effetti collaterali come impotenza e incontinenza.

In assenza di sintomi o test che suggeriscano che i tumori stanno crescendo rapidamente, i medici possono consigliare agli uomini di rimandare il trattamento immediato e invece di sottoporsi a screening regolari per rivalutare se il cancro è abbastanza pericoloso da giustificare un intervento.

Quando gli uomini optano per il trattamento, possono ricevere radiazioni o interventi chirurgici. Un numero crescente di uomini sta optando per interventi chirurgici con robot ad alta tecnologia, in particolare nel Regno Unito, dove i centri chirurgici che si occupano di procedure robotiche stanno attirando sempre più i pazienti lontano dagli ospedali locali, secondo un altro studio recente (bit.ly/2og6767).

Alcune ricerche precedenti hanno anche collegato la chirurgia robotica a una minore perdita di sangue e degenze ospedaliere più brevi rispetto ad altre operazioni alla prostata, ha detto Nossiter.

Le opzioni chirurgiche includono la cosiddetta chirurgia del buco della serratura, che prevede la realizzazione di una serie di piccoli fori nell'addome che consentono al chirurgo di inserire telecamere e strumenti. Questo può essere fatto con un chirurgo che tiene e controlla gli strumenti o con un robot che controlla gli strumenti chirurgici.

Un'altra opzione chirurgica è la cosiddetta chirurgia aperta, che comporta un ampio taglio nella parete addominale.

A seguito di ciascuna di queste opzioni chirurgiche, il 27-30% degli uomini nello studio ha riferito di incontinenza urinaria, il 12% ha riferito una minzione dolorosa e l'11-12% ha riferito problemi intestinali.

Circa il 21-25% degli uomini ha anche riferito di disfunzione sessuale. Il grado di disfunzione sessuale sperimentato dagli uomini che hanno subito un intervento di chirurgia robotica era leggermente inferiore rispetto agli altri, ma non abbastanza da fare la differenza clinica, notano gli autori.

Lo studio non era un esperimento controllato progettato per dimostrare se o come il tipo di intervento chirurgico alla prostata potesse influenzare il rischio di effetti collaterali. Inoltre, non ha esaminato quanto bene le diverse opzioni funzionassero per l'obiettivo principale della chirurgia: curare il cancro.

Anche così, i risultati suggeriscono che la chirurgia robotica potrebbe non essere sempre la scelta migliore, ha affermato il dottor Sarmad Sadeghi, ricercatore presso il Norris Comprehensive Cancer Center dell'Università della California meridionale a Los Angeles.

"Questo documento illustra che, nonostante i numerosi appelli della chirurgia robotica, i risultati, almeno i risultati funzionali esaminati qui, non sono significativamente superiori", ha detto via e-mail Sadeghi, che non era coinvolto nello studio. "Ciò solleva la questione se sia necessario utilizzare una tecnologia più complessa e costosa per eseguire questi interventi chirurgici".

Per molti uomini, in particolare pazienti relativamente sani con cancro che non si è diffuso oltre la prostata, la chirurgia potrebbe non essere affatto necessaria, ha osservato il dottor Kalipso Chalkidou, un ricercatore dell'Imperial College di Londra che non è stato coinvolto nello studio.