Seleziona una pagina

Potrebbero non ascoltare. Dopotutto, la stragrande maggioranza degli uomini sopra i 50 anni viene già testata.

L'idea che trovare il cancro precocemente possa danneggiare invece di aiutare è difficile da capire. Ma è al centro della bozza di raccomandazione di un comitato governativo che quegli esami del sangue del PSA non dovrebbero più far parte dello screening di routine per uomini sani.

La US Preventive Services Task Force ha esaminato tutte le prove e ha riscontrato poca o nessuna riduzione dei decessi dallo screening di routine del PSA. Ma ha concluso che a troppi uomini vengono diagnosticati tumori che non li avrebbero mai uccisi e che avrebbero subito gravi effetti collaterali dal trattamento risultante.

Questa raccomandazione non è definitiva: è una bozza aperta al commento pubblico. Ma fa un ulteriore passo avanti rispetto a molti dei principali gruppi sul cancro, tra cui l'American Cancer Society, che esorta gli uomini a conoscere i pro ei contro e a decidere da soli.

Il nuovo consiglio sarà sicuramente estremamente controverso. Già alcuni medici lo rifiutano.

"Siamo tutti d'accordo sul fatto che dobbiamo fare un lavoro migliore nel capire chi trarrebbe beneficio dallo screening del PSA. Ma una dichiarazione generale di eliminarlo del tutto… sembra eccessivamente aggressivo e irresponsabile", ha detto il dottor Scott Eggener, specialista in cancro alla prostata presso l'Università di Chicago.

Nell'aula d'esame, spiegare i difetti nei test del PSA è stato a lungo difficile.

"Gli uomini sono stati confusi su questo per molto tempo, non solo i pazienti uomini ma i medici uomini", ha detto il dottor Yul Ejnes, uno specialista in medicina interna di Cranston, RI, che presiede il consiglio dei reggenti dell'American College of Physicians.

Ha rifiutato l'offerta del suo medico di un test del PSA dopo aver esaminato personalmente la ricerca.

"C'è questo dogma… che la diagnosi precoce salva vite umane. Non è necessariamente vero per tutti i tumori", ha detto Ejnes.

Questo è un cambiamento emotivo, come ha espresso venerdì il dottor Len Lichtenfeld dell'American Cancer Society sul suo blog.

"Abbiamo investito oltre 20 anni nella convinzione che i test del PSA funzionassero…. Ed eccoci qui dopo tutti questi anni, e non lo sappiamo con certezza", ha scritto Lichtenfeld. "Siamo stati colpiti e sondati, siamo stati operati da medici e robot, siamo stati irradiati da macchine fantasiose, abbiamo speso letteralmente miliardi di dollari. E cosa abbiamo? Un pasticcio di false speranze?"

Troppo PSA, o antigene prostatico specifico, nel sangue solo a volte segnala che il cancro alla prostata si sta preparando. Può anche significare una prostata ingrossata benigna o un'infezione. In effetti, la maggior parte degli uomini che si sottopongono a una biopsia per un test del PSA anormale non risultano avere il cancro alla prostata.

Lo screening spesso rileva piccoli tumori che si dimostreranno a crescita troppo lenta per essere mortali – secondo una stima, in 2 uomini su 5 il cui cancro viene rilevato attraverso un test del PSA. Ma non c'è modo di dire in anticipo chi ha bisogno di cure.

"Se avessimo un test in grado di distinguere tra un cancro che sarebbe stato aggressivo e un cancro che non lo era, sarebbe favoloso", ha detto la dott.ssa Virginia Moyer del Baylor College of Medicine, che presiede la task force, un gruppo di esperti indipendenti che esamina le prove mediche per il governo.

A circa 1 uomo su 6 negli Stati Uniti verrà diagnosticato un cancro alla prostata ad un certo punto della loro vita. Tuttavia, la società del cancro osserva che nei paesi dell'Europa occidentale in cui lo screening non è comune, viene diagnosticato 1 uomo su 10 e il rischio di morte in entrambi i luoghi è lo stesso. Negli Stati Uniti, a circa 217.000 uomini ogni anno viene diagnosticato un cancro alla prostata e 32.000 muoiono.

Perché non lo screening nel caso in cui ci sia un beneficio sulla mortalità che gli studi devono ancora scoprire? La task force ha delineato il problema con questo:

-Fino a 5 uomini su 1.000 muoiono entro un mese dalla chirurgia del cancro alla prostata e tra 10 e 70 altri soffrono di gravi complicazioni.

-Almeno 200-300 uomini su 1.000 trattati con chirurgia o radiazioni soffrono di incontinenza o impotenza.

Nel complesso, Moyer ha detto che il 30% degli uomini trattati per il cancro alla prostata scoperto da PSA soffre di effetti collaterali significativi dal trattamento risultante.

Tra le domande che sicuramente verranno sollevate durante il periodo dei commenti pubblici ci sono come i medici dovrebbero consigliare gli uomini con cancro alla prostata in famiglia o gli uomini di colore, che sono a maggior rischio.

Il test del PSA viene utilizzato anche per esaminare uomini con sintomi alla prostata e per controllare uomini che hanno già avuto un cancro alla prostata. La nuova raccomandazione non influisce su tali usi.

Il Congresso richiede che Medicare copra i test PSA, al costo di $ 41 milioni nel 2009. Altri assicuratori seguono l'esempio di Medicare, soprattutto alla luce di raccomandazioni contrastanti.

Né la nuova raccomandazione significa che gli uomini che vogliono un test del PSA non possono averne uno. Se la regola fosse adottata – qualcosa che il governo esaminerà una volta che la task force avrà ascoltato i commenti e finalizzato la sua guida – sconsiglierebbe semplicemente che i medici la spingano regolarmente.

"La verità è che come tante cose in medicina, non esiste una taglia unica", ha detto il dottor Michael Barry del Massachusetts General Hospital che dirige la Foundation for Informed Medical Decision-Making che sostiene i modi per aiutare i pazienti a fare il loro proprie scelte. Esplora ulteriormente

© 2011 The Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.