Seleziona una pagina

Secondo i ricercatori, le biopsie prostatiche possono provocare un declino della funzione erettile. In uno studio prospettico, la maggior parte degli uomini sottoposti a biopsia prostatica guidata da ecografia transrettale (TRUS) ha registrato una significativa diminuzione del punteggio dell'International Index of Erectile Function-5 (IIEF-5), indipendentemente dall'età, dalla diagnosi di cancro e dallo stato della biopsia precedente. Scrivendo in un documento pubblicato su BJU International (2015; 116: 190-195), i ricercatori hanno concluso che gli uomini sottoposti a biopsia prostatica guidata da TRUS dovrebbero essere informati su tutti i potenziali effetti collaterali e complicazioni della procedura. Lo studio, condotto da Katie S. Murray, MD, dell'Università del Kansas Medical Center di Kansas City, ha arruolato 220 uomini con un'età media di 64,1 anni e un livello di PSA di 6,7 ng / dL. Alla presentazione, il 38,6% non ha riportato disfunzione erettile (DE), il 22,3% ED lieve, 15,5% ED da lieve a moderata, 10% ED moderato e il 13,6% ED grave. Ai pazienti sono stati inviati questionari di follow-up IIEF-5 a 1, 4 e 12 settimane. Il numero di pazienti che hanno restituito i questionari di follow-up a ciascun punto temporale del follow-up era diverso (163, 126 e 103 a 1, 4 e 12 settimane, rispettivamente). Ciò ha portato a diversi punteggi IIEF-5 medi al basale in ciascun punto temporale.

Continua a leggere

A 1 settimana dalla biopsia, il punteggio medio IIEF-5 era significativamente inferiore rispetto al basale (15,5 vs 18,2). Il punteggio medio è rimasto significativamente più basso rispetto al basale a 4 e 12 settimane (17,3 vs 18,4 e 16,9 vs 18,4, rispettivamente). "La DE, acuta o subacuta, dovrebbe essere discussa con i pazienti prima della biopsia perché è stato dimostrato che la biopsia influisce sulle erezioni negli uomini in molti momenti dopo la biopsia", hanno scritto gli autori. I risultati dello studio mostrano anche che gli uomini di età pari o superiore a 60 anni sono predisposti a una funzione erettile peggiore dopo la biopsia, quindi la biopsia prostatica dovrebbe essere usata con ancora più cautela in questo gruppo e la consulenza medico-paziente "dovrebbe includere questo potenziale risultato in modo più dettagliato. "Lo studio ha anche scoperto che i pazienti che avevano una diagnosi finale di cancro alla prostata avevano maggiori probabilità di avere un declino in IIEF-5 dopo la biopsia. Il meccanismo preciso di questo declino in questi pazienti è molto probabilmente multifattoriale, hanno affermato i ricercatori. Cause psicogene, paura dei risultati, l'ansia correlata alla biopsia e persino considerazioni anatomiche come il danno ai nervi e l'ematoma potrebbero potenzialmente avere un ruolo, hanno osservato. In un editoriale di accompagnamento (pp. 164-169), Brian T. Helfand, MD, della North Shore Il sistema sanitario dell'Università di Chicago e l'Università di Chicago, hanno osservato che lo studio della dott.ssa Murray e dei suoi colleghi supporta i risultati di alcuni studi retrospettivi ma contraddice i risultati di altri. In uno studio precedente, il dottor Helfand e colleghi hanno dimostrato che un PCa la diagnosi è associata ad un aumento del rischio di DE dopo una biopsia prostatica, simile a quanto scoperto dal Dr. Murray e colleghi Quando i risultati del Dr. Il team di Murray è considerato nel contesto di studi precedenti su questo argomento, ha osservato il dottor Helfand, sembra che i pazienti dovrebbero essere informati sulla possibilità di cambiamenti a breve termine nella funzione erettile dopo una biopsia prostatica. Va anche sottolineato, tuttavia, che l'ED a lungo termine potrebbe non essere correlato alla procedura bioptica stessa ma piuttosto ad altri fattori, tra cui l'età avanzata, lo stress psicologico e / o la diagnosi di PCa, secondo il dottor Helfand. Temi:

Biopsia Disfunzione erettile Cancro alla prostata

Hai già un account? Accedi qui

– Caricamento in corso…

Mostra di più

Vuoi saperne di più?

Effettua il login o registrati prima per visualizzare questo contenuto.

Accedi Registrati

Studio: la disfunzione erettile dovrebbe favorire lo screening del diabete

– Renal & Urology News pubblica notizie tempestive sugli sviluppi scientifici di interesse per nefrologi e urologi, compresa una copertura approfondita di tutte le conferenze mediche pertinenti.

Tutte le notizie e i reparti dell'edizione cartacea sono completamente archiviati sul sito.

– – –

Risorse

Ristampe del comitato editoriale / Archivio delle emissioni di autorizzazioni

Centro utenti

Chi siamo Contattaci Pubblicizza le scelte pubblicitarie

Altri siti web di Haymarket Medical

Consulente di terapia del cancro Consulente clinico Consulente clinico del dolore Consulente di dermatologia Consulente di endocrinologia Consulente di gastroenterologia Consulente di ematologia Consulente di malattie infettive Notizie di assistenza a lungo termine di McKnight McKnight's Senior Living Medical Bag MPR myCME Consulente di neurologia Consulente di infermiere oncologico Consulente di oftalmologia Consulente di cardiopatia Consulente di cardiopatia Consulente di pneumologia

– Copyright © 2020 Haymarket Media, Inc. Tutti i diritti riservati Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito in qualsiasi forma senza previa autorizzazione. L'utilizzo di questo sito Web implica l'accettazione della politica sulla privacy e dei termini e condizioni di Haymarket Media.

Ti piace il nostro contenuto? Grazie per aver visitato Renal & Urology News. Ci auguriamo che tu stia apprezzando le ultime notizie cliniche, le funzionalità complete, i casi di studio e altro ancora.

Hai visualizzato il conteggio del conteggio degli articoli sul totale del controllo questo mese. Se desideri leggere contenuti illimitati, accedi o registrati qui sotto. La registrazione è gratuita.