Seleziona una pagina

Un piccolo studio retrospettivo suggerisce che l'ablazione con ultrasuoni focalizzati ad alta intensità (HIFU) è una valida alternativa al trattamento radicale negli uomini con carcinoma prostatico localizzato.

  • Lo studio, pubblicato su The Journal of Urology, ha rilevato che solo il 9% dei 100 pazienti trattati con Sonablate 500 di SonaCare Medical o Ablatherm di EDAP TMS necessitava di un intervento chirurgico o di una radioterapia nei due anni successivi.
  • Pur notando i limiti dello studio delle procedure eseguite in due strutture statunitensi da tre chirurghi, i ricercatori vedono i dati come prova che l'HIFU è sicuro e fornisce "un adeguato controllo del cancro a breve termine". Sono necessari studi più ampi, prospettici e controllati per mostrare in modo più definitivo come funziona la tecnologia.

Approfondimento immersione:

L'inizio del mercato statunitense per l'ablazione HIFU del tessuto prostatico risale alla fine del 2015, quando la FDA ha autorizzato Sonablate e Ablatherm a poche settimane l'una dall'altra. Profound Medical si è unita al campo lo scorso anno quando la FDA ha autorizzato TULSA-PRO, che l'azienda vende insieme a un dispositivo HIFU non canceroso che ha acquisito da Philips.

I sostenitori dell'ablazione HIFU lo pubblicizzano come un modo per trattare il cancro alla prostata in una procedura ambulatoriale senza esporre i pazienti ai rischi di interventi chirurgici e radiazioni, che sono associati a risultati negativi sulla qualità della vita, tra cui incontinenza urinaria e impotenza.

Per capire come si sta comportando la tecnologia nel mondo reale, i ricercatori della University of Southern California hanno esaminato i risultati di 100 uomini che hanno subito l'emigland HIFU per cancro alla prostata. L'endpoint primario era il fallimento del trattamento, definito come la presenza di tumori o metastasi di grado medio, la necessità di un trattamento radicale (che in alcuni casi è considerato la rimozione della prostata) o la terapia sistemica o la morte per cancro alla prostata.

Due anni dopo il trattamento HIFU, il 27% dei partecipanti aveva sperimentato uno o più degli esiti negativi presenti nella definizione di fallimento del trattamento, il 24% degli uomini aveva un cancro alla prostata clinicamente significativo e il 9% aveva richiesto un trattamento radicale.

Gli uomini che sono stati classificati come a basso rischio, nel peggiore dei casi, al basale se la sono cavata meglio. In quella coorte, il 16% delle persone aveva un cancro alla prostata clinicamente significativo dopo due anni, rispetto al 37% nel gruppo a più alto rischio.

La ripetibilità dell'HIFU ha consentito ai chirurghi di risparmiare alcuni uomini dalla necessità di sottoporsi a intervento chirurgico o radioterapia anche dopo che le loro condizioni erano peggiorate dopo il trattamento iniziale. La ricerca ha mostrato che il 10% degli uomini nello studio ha subito un'altra procedura HIFU nel periodo di due anni analizzato dai ricercatori.

I risultati riportati dai pazienti suggeriscono che l'HIFU non ha alcun effetto significativo sulla funzione sessuale e i ricercatori non hanno visto alcuna nuova insorgenza di incontinenza urinaria, convalidando l'uso della procedura come un modo per preservare la qualità della vita.

I risultati sono in linea con i risultati di uno studio e di una revisione sistematica di pazienti trattati al di fuori degli Stati Uniti, dove esiste una storia più lunga di utilizzo di HIFU nel cancro alla prostata. Tuttavia, i limiti degli Stati Uniti