Seleziona una pagina

La procedura ha prodotto un tasso di sopravvivenza specifico per il cancro alla prostata del 100%. Il profilo di sicurezza ha mostrato che i tassi di disfunzione erettile, infezione e incontinenza erano tutti inferiori all’1% con la terapia focale laser guidata da MRI. Questi tassi mostrano un enorme vantaggio rispetto alla prostatectomia standard dell’intera ghiandola, che è associata a un rischio del 25% di incontinenza urinaria e del 50% di disfunzione erettile.

“Lo scopo di questa ricerca, iniziata il 24 maggio 2010, è indagare la sicurezza e l’efficacia dell’uso della terapia focale laser guidata dalla risonanza magnetica per il cancro alla prostata e valutare il controllo oncologico nell’arco di 20 anni”, John Feller, MD, chief medical ufficiale di HALO Diagnostics, ha dichiarato in un comunicato stampa.

“I risultati della fase 2 ad interim indicano un cambio di paradigma nel trattamento degli uomini con cancro alla prostata a rischio intermedio e quelli con recidiva biochimica. Questi risultati non sono solo uno sviluppo entusiasmante nel progresso della terapia focale laser per il cancro alla prostata, ma parlano della forza del nostro team clinico e del nostro impegno nello sviluppo di esperienze e risultati che cambiano la vita dei pazienti “, ha aggiunto Feller.

A questa analisi, lo studio ha incluso oltre 170 uomini con rischio da basso a intermedio o cancro alla prostata ricorrente che si sono offerti volontari per l’arruolamento. I criteri di inclusione erano di età ≥45 anni; stadio clinico T1c o T2a; Punteggio Gleason di 7 (3 + 4 o 4 + 3) o inferiore; ≤3 nuclei bioptici con cancro alla prostata; e una densità di PSA di ≤0,375. Al follow-up di 10 anni, il tasso di sopravvivenza globale è stato del 98%, il tasso di sopravvivenza specifico del cancro alla prostata è stato del 100% e il tasso di sopravvivenza libera da metastasi è stato del 99%.2

Secondo HALO Diagnostics, il reclutamento per lo studio di fase 2 di 20 anni continuerà fino a quando “L’obiettivo dello studio di 200 uomini è stato raggiunto e valutato per il controllo oncologico per un periodo di 20 anni”.

La tecnologia utilizzata nello studio combina un dispositivo di terapia focale laser con un dispositivo di sistema di pianificazione per la biopsia prostatica guidata dalla risonanza magnetica. Entrambe le apparecchiature hanno l’autorizzazione FDA 510 (k) per l’uso in questa impostazione.

“La terapia focale laser guidata dalla risonanza magnetica consente ai medici di definire il loro approccio alle aree della prostata che devono essere trattate, creando al contempo limiti di sicurezza intorno alle aree che devono rimanere intatte”, Bernadette M. Greenwood, chief research officer di HALO Diagnostics, affermato nel comunicato stampa.

“Questo livello di precisione rispetto ad altri approcci, come la prostatectomia radicale, la radioterapia e anche altri approcci focali o mirati come gli ultrasuoni focalizzati ad alta intensità, riduce sostanzialmente il rischio di effetti collaterali, tra cui incontinenza urinaria, impotenza e ridotta funzione intestinale. A differenza di altri trattamenti, la terapia focale laser non limita la possibilità di trattare con radioterapia o intervento chirurgico se necessario in seguito “, ha aggiunto Greenwood.

Riferimenti

1. I dati provvisori di HALO Diagnostics dalla sperimentazione clinica mostrano risultati rivoluzionari per il nuovo trattamento del cancro alla prostata. Pubblicato il 16 giugno 2020. https://prn.to/2YJDcsE. Accesso 16 giugno 2020.

2. Feller J, Greenwood B, Jones W, et al. Studio clinico ambulatoriale di fase II di terapia focale laser transrettale guidata da RM: risultati ad interim di dieci anni. Sessione di scienza virtuale dell’American Urological Association 2020.